Ucraina a 541 giorni dall’invasione. Il Punto

Torna sul campo il battaglione Azov, mentre la controffensiva ucraina resta impantanata e la battaglia prosegue tra schermaglie politiche sul fronte internazionale

di Raffaele Crocco

Il battaglione Azov è tornato. Per gli ucraini sono tornati gli eroi di Mariupol, quelli che sino a maggio del 2022 avevano resistito all’invasore russo asserragliati nell’acciaieria Azovstal. Per i russi sono di nuovo sul campo di battaglia i peggiori rappresentanti del neonazismo ucraino, quel neonazismo che loro hanno deciso di estirpare con l’invasione, iniziata 541 giorni fa.

Il battaglione Azov, dicevamo. Era diventato famoso per la resistenza a Mariupol, appunto, ma era già noto nel Mondo per la evidente radice nazionalista e neonazista, mostrata nei primi anni di questa guerra, nel 2014, quando erano iniziati i combattimenti contro i secessionisti russi. A formare il battaglione uomini di lingua russa, provenienti dalle regioni dell’Ucraina in cui viene parlata. Erano stati tutti catturati dopo la resa, nel maggio del 2022 e, per effetto degli accordi russo-ucraini sullo scambio dei prigionieri, vennero liberati e portati in Turchia, dove hanno trascorso 300 giorni. Ora, circa 900 combattenti, sono di nuovo in linea. Lo ha spiegato il capo del Dipartimento di Pianificazione della Guardia Nazionale, Mykola Urshalovych. Sono schierati nell’area della foresta di Serebryanske, nella regione di Lugansk.

Sul campo, la battaglia prosegue. La controffensiva ucraina segna il passo da settimane e gli alleati – Stati Uniti in testa – sono inquieti e delusi. In due mesi di sforzo, i risultati sono scadenti. Lo ha detto lo stesso Presidente ucraino, Volodymir Zalensky, spiegando agli ucraini che “dobbiamo essere pazienti se vogliamo vincere, la controffensiva è complicata e potrebbe essere più lenta del previsto”. Intanto, la macchina infernale della guerra tritura vite, città e mezzi. Nessuno smette di alimentarla, nonostante non ci sia chi mostri la capacità di vincerla. Gli Stati Uniti hanno annunciato di aver predisposto l’invio di altri 200milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina, ma nella NATO sembra prendere sempre più corpo l’ipotesi di avviare negoziati seri, in tempi rapidi.

Questo al di là delle polemiche per le parole pronunciate da Stian Jenssen, braccio destro del segretario generale Jens Stoltenberg. Jenssen in settimana ha detto che “la cessione di alcuni territori a Mosca potrebbe essere la soluzione per l’adesione dell’Ucraina alla NATO”. Parole che hanno fatto arrabbiare i vertici di Kiev e costretto Jenssen ad una precipitosa marcia indietro. Ma l’impressione, nelle cancellerie internazionali, è che gli alleati europei di Kiev siano sempre più stanchi e in difficoltà sul piano militare e che la spinta nella corsa al riarmo dell’Ucraina possa esaurirsi.

La controffensiva impantanata certo non aiuta. Sul fronte diplomatico poco si muove. La Bielorussia ha spiegato, ancora una volta, che non attaccherà l’Ucraina, se non verrà attaccata. Il sostegno al Cremlino comunque sia, è totale e continuo. Sul fronte interno a Mosca, invece, è uscito allo scoperto lo scacchista Garry Kasparov, grande oppositore di Putin. In una lunga intervista ad un media ucraino ha detto che “la caduta del dittatore di tipo mafioso Vladimir Putin sarà inevitabile dopo la liberazione dell’Ucraina. Il primo problema oggi – ha continuato – è come porre fine alla guerra. E non c’è altro modo, se non la vittoria completa dell’Ucraina. Perché mentre Putin è al potere, combatterà fino all’ultimo dollaro, fino all’ultimo soldato”.

Le schermaglie politiche continuano sul fronte internazionale, rendendo sempre più improbabile trovare un punto di incontro fra Mosca e Kiev. Lo conferma la decisione dell’India, padrona di casa del G20, di non invitare l’Ucraina al summit che si terrà i prossimi 9 e 10 settembre. In questo modo, Dehli ribadisce la sua politica di non allineamento e certifica che l’incontro non sarà palcoscenico per la sicurezza internazionale.

A margine di tutto, c’è anche chi si occupa di un altro aspetto devastante di questa guerra: l’impatto ambientale. La situazione è deprimente. L’ha divulgata la Vicepremier e Ministro dell’Economia ucraina, Yulia Svyrydenko. “In più di 500 giorni di guerra – scrive – sono stati registrati quasi 2.500 casi di danni all’ambiente, per un danno totale stimato in 52 miliardi di euro”. A causa dell’invasione russa, 174.000 chilometri quadrati di terra ucraina sono potenzialmente contaminati da oggetti esplosivi.

Tags:

Ads

You May Also Like

Interessi comuni

La Nobel birmana e il premier autoritario ungherese sono d'accordo: esiste un pericolo islam. In Paesi dove di musulmani non ce ne sono

di Emanuele Giordana Interessi comuni, comune visione del futuro, comune senso del pericolo su ...

Gaza, un sostegno che non basta

Conversazione con Giovanna Bizzarro, rappresentante della Croce Rossa italiana in Palestina

di Ambra Visentin Grazie alla tregua, iniziata lo scorso venerdì 24 ottobre tra Israele ...

Cisgiordania, la sofferenza dei palestinesi oltre Gaza

Artisti uccisi, giornalisti messi a tacere, biblioteche e moschee distrutte. Cosa resterà per tenere insieme i sopravvissuti?

La portata e il puro orrore della guerra a Gaza hanno giustamente catturato l’attenzione ...