Verso un voto Onu sul “Piano Biden”

Gli Stati Uniti hanno annunciato una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza a sostegno della Roadmap per il cessate il fuoco a Gaza

Gli Stati Uniti hanno annunciato una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu a sostegno del piano di cessate il fuoco a Gaza, il cosiddetto “Piano Biden”. La bozza del testo, secondo  l’agenzia France Presse,  “accoglie favorevolmente il nuovo accordo annunciato il 31 maggio e invita Hamas ad accettarlo pienamente e ad attuarne i termini senza indugi e senza condizioni”. Ecco come l’Ansa ha ricostruito le tre fasi del  piano di pace:

* PRIMA FASE 1) Completo cessate il fuoco nei combattimenti per 6 settimane; 2) Ritiro delle forze israeliane dalla aree densamente popolate della Striscia; 3) Rilascio da parte di Hamas di “un numero”, ad oggi imprecisato, di ostaggi israeliani, inclusi donne, anziani e feriti.

* SECONDA FASE 1) Altre 6 settimane di cessate il fuoco; 2) Ritiro completo delle forze israeliane dalla Striscia; 3) Rilascio di tutti i rimanenti “ostaggi vivi”, inclusi i soldati maschi rapiti. Punto questo definito in passato critico da Hamas; 4) Se l’intesa è mantenuta da entrambe le parti, il cessate il fuoco diventa “permanente”.

* TERZA FASE 1) Avvio di un “importante piano” di ricostruzione e stabilizzazione per Gaza, sostenuto dagli Stati Uniti e dalla comunità internazionale, con una prospettiva tra i 3 e i 5 anni. Il piano, ha spiegato Biden, sarebbe attuato in modo da non consentire ad Hamas di “riarmarsi”; 2) Restituzione di tutti i corpi degli ostaggi uccisi.

La roadmap – scrive Ansa – ha molti dettagli ancora da chiarire. E va ricordato che Israele vuole la distruzione di Hamas a Gaza e la sua impossibilità di ripetere un attacco come quello del 7 ottobre. Poi c’è il problema di chi sarà a governare la Striscia nel dopo Hamas. Tutte questioni respinte dalla fazione islamica che chiede garanzie sulla non ripresa dei combattimenti da parte di Israele e non è disposta a lasciare il potere nell’enclave palestinese.

In copertina: foto di Fabio Bucciarelli per Atlante delle guerre 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Libia, destino da decidere

Non solo la contesa tra Tripolitana e Cirenaica, nel Paese preoccupa anche la situazione del Fezzan alla vigilia dell'incontro di Palermo voluto dall'Italia il 12 e 13 novembre

E’ un futuro ancora incerto e da scrivere quello della Libia. Oltre alla contesa di potere ...

Il Sud Africa e lo straniero

Per la terza volta in dieci anni il Paese è attraversato da violenze xenofobe. Le reazioni

Le violenze di natura xenofoba in Sud Africa provocano forte eco nel Continente. Dopo le ...

Usa-Cina: guerra di numeri e di nervi

Trump canta vittoria, ma il Wto dà ragione a Pechino

Il Wto, l’ Organizzazione mondiale del commercio, ha affermato in un comunicato del 17 ...