Via dalla pazza guerra

Secondo indiscrezioni di stampa gli Usa avrebbero accettato di negoziare coi talebani anche sul ritiro delle loro truppe dall'Afghanistan in un incontro a Doha venerdi scorso

Il rappresentante speciale per l’Afghanistan Zalmay Khalilzad ha incontrato a Doha i rappresentanti ufficiali del movimento talebano. Ma cosa si sono detti? Un’indiscrezione di Al Jazeera sostiene che hanno iniziato a prefigurare un possibile negoziato sul ritiro delle truppe americane (quindi Nato) dal Paese. Ma come, dove, quando e in cambio di cosa? La notizia è vera o è solo l’intenzione di una delle tante fazioni del movimento?

Ieri il sito dai talebani ha scritto dell’incontro confermando l’avvio e la continuazione dei colloqui. Non molto di più. e per ora è certo solo che c’è stato  l’incontro di venerdi a Doha, riportato anche da diversi media e confermato dai talebani con un comunicato stampa oltre che col  messaggio sul sito. Ma se Al Jazeera ha ragione, si sarebbe già entrati nel vivo e non solo vagamente accordati per andare avanti con gli incontri in cerca di una soluzione. Gli americani, che hanno ormai accettato colloqui diretti con la guerriglia bypassando Kabul, avrebbero accettato di mettere in agenda il ritiro delle truppe, forse condizionato al controllo sulle basi aeree che sembra essere l’unico vero motivo della permanenza di 14mila soldati. Probabilmente se i talebani accettassero di lasciare agli Usa la base di Bagram e l’utilizzo di altre basi aeree come oggi è previsto da un accordo (il che consentirebbe loro di controllare l’Iran e i territori meridionali dell’ex pianeta sovietico) l’accordo si troverebbe. E la Nato, con ogni probabilità,  si accoderebbe.

Nell’immagine di copertina la pagina in dari del sito della guerriglia con la foto di Khalilzad. All’interno, la pagina in inglese con il comunicato ufficiale sui colloqui

Tags:

Ads

You May Also Like

Nuove violenze nel Rakhine birmano

L'Arakan Army attacca postazioni del governo  che lo accusa di legami con la guerriglia rohingya. Gli sfollati sono già 2.500 secondo l'Onu

Dal nostro inviato Emanuele Giordana Bangkok – E’ senza pace lo Stato birmano del ...

Usa-Huawei. La guerra dei dati

Mentre Trump ammette che la signora Meng sarà usata come “gettone di scambio” nella trattativa con la Cina, nella sua offensiva di immagine la multinazionale lancia un’affermazione-bomba: "Non obbediremmo nemmeno al presidente Xi, se ci ordinasse di mettere i dati acquisiti a disposizione del governo cinese”

di Maurizio Sacchi Huawei ha lanciato una vera campagna mondiale d’immagine in risposta a ...

Tributo di sangue

Nello Yemen continua a salire il numero delle vittime. Novembre 2017 il mese peggiore

Secondo i dati raccolti dal Centro di ricerca  sulla localizzazione e gli eventi dei ...