Zimbabwe, vietato manifestare

Oggi ad Harare non si potra' dimostrare contro il governo. Strade vuote e bavaglio alla protesta

“Esiste una reale possibilità di scontri tra gruppi opposti di manifestanti e forze di sicurezza” aveva avvertito l’Ambasciata statunitense ad Harare con una nota ma ci hanno pensato le  forze di sicurezza dello Zimbabwe a chiudere la partita: hanno emesso un divieto di circolazione nelle strade della capitale, Harare, e  costretto i negozi a chiudere ieri, un giorno prima delle previste proteste anticorruzione che si sarebbero dovute tenere oggi. Le strade della città sono insolitamente deserte, riferisce la Bbc dalla capitale, e i cittadini sono stati diffidati dal prendere parte alle manifestazioni di venerdì che, secondo il governo, sarebbero sobillate da potenze straniere.

Ma sotto accusa in realta’ c’e’ la rabbia popolare e dell’opposizione per la crisi economica e la corruzione contro cui numerosi partiti, chiese e gruppi della società civile hanno invitato gli Zimbabwe a protestare venerdi. Tra gli episodi piu’ eclatanti, il licenziamento del Ministro della sanità dello Zimbabwe, Obadiah Moyo, accusato di manovre per l’acquisto di  mascherine e altre attrezzature per proteggersi dal Coronavirus. Infine, lo Zimbabwe è anche alle prese con la peggiore crisi economica degli ultimi dieci anni mentre gli  infermieri sono scesi in sciopero, chiedendo di essere pagati in dollari americani.

La foto e’ tratta dal sito dell’Ufficio del Turismo del Paese

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Bambini kamikaze, una vergogna silenziosa

di Andrea Tomasi Bambini utilizzati come bombe umane. Succede nel conflitto del lago Ciad: ...

Ci prova Xi Jinping

Denuclearizzazione della penisola coreana: incontro a due tra il presidente cinese e Kim Jong Un

A pochi mesi dal fallimento dei colloqui a due Usa-Corea sulla denuclearizzazione della penisola ...

Libia, tutte le posizioni in campo

Intervista. Come si pongono Francia, Italia, Unione Europea, Stati Uniti, Russia e mondo arabo sulla questione del Paese nordafricano. L'analisi di Fabio Mini

La questione libica non si limita ai confini nazionali ma coinvolge l’Europa e oltre. ...