Afghanistan: Il Consiglio di Sicurezza estende di un anno il mandato della missione ONU

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di prolungare di un anno il mandato della missione ONU di assistenza in Afghanistan (UNAMA), in modo che questa possa continuare a supportare il paese nel processo di trasferimento alle autorità nazionali della gestione di sicurezza, governo e sviluppo. Nella risoluzione adottata all’unanimità per prolungare fino al 23 marzo 2013 il mandato della Missione ONU di Assistenza in Afghanistan (UNAMA), il Consiglio di Sicurezza ha chiesto all’ONU, con il supporto della comunità internazionale, di appoggiare i Programmi di Priorità Nazionale del paese. Tali programmi riguardano sicurezza, governance, giustizia, economia e progetti di sviluppo sociale. Il Consiglio di Sicurezza ha affermato che UNAMA e il Rappresentante Speciale del Segretario Generale “continueranno a gestire e coordinare le operazioni civili internazionali, come stabilito dal loro mandato e guidati dal principio di rafforzare la sovranità e la leadership afgana, secondo quanto previsto dai Comunicati della Conferenza di Londra e Kabul e dalle Conclusioni della Conferenza di Bonn”. Il Rappresentante Speciale Jan Kubiš, a capo di UNAMA, ha riferito al Consiglio che il processo di transizione nel paese procede nonostante recenti episodi di violenza. Sono in atto vari tentativi per consolidare la capacità delle istituzioni nazionali di preservare lo stato di diritto e offrire servizi alla popolazione, ha aggiunto. “La transizione prosegue sul giusto binario e secondo quanto stabilito. Le Forze di Sicurezza Nazionali Afgane (ANSF) hanno dimostrato di essere pronte a svolgere questo compito”, ha affermato riguardo al graduale trasferimento di competenze in materia di sicurezza. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di prolungare di un anno il mandato della missione ONU di assistenza in Afghanistan (UNAMA), in modo che questa possa continuare a supportare il paese nel processo di trasferimento alle autorità nazionali della gestione di sicurezza, governo e sviluppo. Nella risoluzione adottata all’unanimità per prolungare fino al 23 marzo 2013 il mandato della Missione ONU di Assistenza in Afghanistan (UNAMA), il Consiglio di Sicurezza ha chiesto all’ONU, con il supporto della comunità internazionale, di appoggiare i Programmi di Priorità Nazionale del paese. Tali programmi riguardano sicurezza, governance, giustizia, economia e progetti di sviluppo sociale. Il Consiglio di Sicurezza ha affermato che UNAMA e il Rappresentante Speciale del Segretario Generale “continueranno a gestire e coordinare le operazioni civili internazionali, come stabilito dal loro mandato e guidati dal principio di rafforzare la sovranità e la leadership afgana, secondo quanto previsto dai Comunicati della Conferenza di Londra e Kabul e dalle Conclusioni della Conferenza di Bonn”. Il Rappresentante Speciale Jan Kubiš, a capo di UNAMA, ha riferito al Consiglio che il processo di transizione nel paese procede nonostante recenti episodi di violenza. Sono in atto vari tentativi per consolidare la capacità delle istituzioni nazionali di preservare lo stato di diritto e offrire servizi alla popolazione, ha aggiunto. “La transizione prosegue sul giusto binario e secondo quanto stabilito. Le Forze di Sicurezza Nazionali Afgane (ANSF) hanno dimostrato di essere pronte a svolgere questo compito”, ha affermato riguardo al graduale trasferimento di competenze in materia di sicurezza.

Tags:

Ads

You May Also Like

Uganda, a Rhino Camp. In cerca di speranza

di Giorgia Stefani e Elisabetta Bozzarelli Mattinata a Rhino Camp uno dei sei campi profughi ...

Gay in Uganda, il diritto di essere ciò che si è

di Andrea Tomasi Nero e gay. Per gli omofobi le notizie in materia di ...

Bomba Iran

di Tommaso Andreatta L’Iran possiede il «padre di tutte le bombe». Parola del comandante ...