Afghanistan: l’Aja non può indagare

I magistrati che devono  giudicare l’ammissibilità delle richieste di indagine del procuratore generale della Corte penale internazionale hanno respinto oggi all'unanimità la sua richiesta di procedere con un'indagine su presunti crimini  di guerra e contro l'umanità sul territorio afgano. Il peso del veto americano

La Camera preliminare della Corte penale internazionale (Cpi) – la corte che deve giudicare l’ammissibilità delle richieste di indagine del procuratore generale dell’Aja – ha respinto oggi all’unanimità la sua richiesta di procedere con un’indagine su presunti crimini contro l’umanità e crimini di guerra sul territorio della Repubblica islamica dell’Afghanistan. I giudici – recita un comunicato della Cpi – hanno deciso che “un’indagine sulla situazione in Afghanistan in questa fase non servirebbe gli interessi della giustizia”. Solo poco più avanti, in una riga, il comunicato spiega esattamente perché: La Camera infatti “ha accuratamente controllato le informazioni fornite dal Procuratore e ha ritenuto che la richiesta stabilisse una base ragionevole per considerare che reati… sono stati commessi in Afghanistan e che i potenziali casi sarebbero ammissibili dinanzi alla Corte. Tuttavia la Camera ha rilevato il tempo trascorso dall’apertura dell’esame preliminare nel 2006 e la situazione politica in Afghanistan da allora in poi, la mancanza di cooperazione che il procuratore ha ricevuto… (stimando che ) ostacoli la possibilità di indagini e procedimenti giudiziari di successo”. Eccola la parola: cooperazione. Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori del Cpi, di cui non riconoscono l’autorità, e di conseguenza i magistrati che devono dare luce verde al procuratore non possono concedere che si proceda a indagare su un Paese agli archivi del quale non si può accedere. Se anche Kabul non negasse l’ingresso alla signora Bensouda (la procuratrice generale) e ai suoi aiutanti, l’indagine sarebbe monca se lo Stato su cui si indaga (gli Stati Uniti) non collabora.

“Di conseguenza – scrivono i magistrati – è improbabile che il proseguimento di un’indagine porti al raggiungimento degli obiettivi elencati dalle vittime… La Camera ha quindi concluso che un’indagine sulla situazione in Afghanistan in questa fase non servirebbe gli interessi della giustizia e ha respinto la richiesta di autorizzazione del Procuratore di indagare”. La storia inizia un anno e mezzo fa: il 20 novembre 2017, il procuratore chiede l’autorizzazione dei giudici preliminari per avviare un’indagine sui presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità in relazione al conflitto armato in Afghanistan dal 1 ° maggio 2003. La Camera preliminare stabilisce che vi sia una “base ragionevole” per procedere e consente alla Procura di avviare i primi passi dell’indagine. Ma Washington si mette di mezzo. Prima minaccia, poi – qualche giorno fa – stabilisce che Fatou Bensouda, procuratrice capo della Corte penale internazionale, non può ottenere il visto d’ingresso negli Usa. Il segretario di Stato Mike Pompeo già 15 marzo aveva sostenuto che il lavoro della Corte è un «attacco allo stato di diritto americano», minacciando di negare il visto ai suoi membri se avessero proseguito le ricerche su eventuali crimini commessi in Afghanistan da soldati e funzionari statunitensi o alleati. La parola è stata mantenuta e la Corte non poteva che prenderne atto.

(Red/Em. Gio.)

Tags:

Ads

You May Also Like

India-Pakistan: all’erta stiam

Le recenti ondate di tensione lungo il fronte del Kashmir hanno riacceso i riflettori su un conflitto annoso a bassa intensità. Preoccupa poiché si svolge all'ombra di un equilibrio strategico fondato sull'arma nucleare

di Elia Gerola India e Pakistan sono due Stati in conflitto ormai dall’epoca della ...

Il Mediterraneo, il gigante russo e l’Italia

di Tommaso Andreatta Durante l’incontro che si è tenuto negli scorsi giorni tra il ...

Pedalando a Kabul

di Andrea Tomasi Decine di persone sono morte in un attentato rivendicato dai fondamentalisti ...