Allora ci siamo: è guerra

Nella notte le forze russe hanno iniziato l'invasione dell'Ucraina 

di Raffaele Crocco

Allora ci siamo: è guerra. L’esercito russo ha invaso l’Ucraina. Dalle prime notizie, pare non si tratti solo di una operazione per liberare le autoproclamate repubbliche separatiste di Lugansk e Donetsk. L’attacco sarebbe su tre direttrici, quindi anche dalla Crimea e da Nord, terribilmente vicino a Kiev.

L’offensiva è stata annunciata da Putin: ragioni di sicurezza, ha detto. I separatisti hanno parlato della “necessità di liberare il territorio”. La realtà appare abbastanza differente. Tutto il paese è sotto attacco e sul terreno ci sarebbero già centinaia di morti e l’obiettivo strategico di Putin appare chiaro: neutralizzare l’Ucraina, eliminando l’attuale governo e smilitarizzandola, per renderla “stato vassallo”.

Le reazioni internazionali, per ora, non vanno oltre la condanna. Sul piano militare l’Ucraina appare sola e lo rimarrà: difficile immaginare l’intervento di paesi europei o degli Stati Uniti. Dovremo assistere, ancora una volta, nel cuore dell’Europa, alla morte di innocenti. Dovremo, ancora, fare la conta di profughi in fuga. E ancora una volta, l’insensatezza onnipotente di un autocrate bolso e pazzo, metterà in gioco diritti, pace, vite.

Questa guerra sembra farci tornare incapaci e inermi, schiavi di convenienze e ipocrisie. Il popolo ucraino è la vera vittima di tutto questo. In un qualunque modo, non dobbiamo abbandonarlo.

Foto di copertina: Ukrainian soldiers stand in front of pro Russia civilians after storm a rebel checkpoint near Kramatorsk ,Ukraine, Friday, May 1, 2014. (Manu Brabo)

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Per concludere: “Per questo

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Venezuela, scontro alle frontiere

Alla vigilia della data prevista per la partenza dei convogli umanitari  dalla Colombia e per l'organizzazione di due concerti rivali, è sotto accusa la spettacolarizzazione e l’uso strumentale degli aiuti. Mentre la tensione al confine col Brasile  fa le prime vittime

Il 23 di febbraio – domani – è la data prevista per il tentativo ...

Le bombe «firmate» in Turchia

di Tommaso Andreatta L’autoproclamato Stato Islamico Isis ha rinvendicato, tramite la sua agenzia di ...

«Libertà di stampa! Siamo a Varsavia»

di Ilario Pedrini Se ne sono accorti in pochi ma in Polonia esiste un ...