Amazzonia, si spera nella magistratura

di Ilario Pedrini

Forse c’è speranza per la foresta amazzonica. Un giudice brasiliano ha sospeso, in maniera «urgente e immediata», il controverso decreto che aboliva la riserva naturale della Renca in Amazzonia, aprendo allo sfruttamento minerario privato di questo immenso territorio.

La notizia, riportata dall’Adnkronos, ha fatto il giro del mondo. Con questo provvedimento il giudice Rolando Spanholo del tribunale di Brasilia blocca il decreto del governo Michel Temer, che naturalmente ha annunciato ricorso.

La riserva naturale copre un’area di 47mila chilometri quadrati «fra gli Stati brasiliani di Parà e Amapa, in un territorio ricco di minerali, fra cui oro e rame».

Il decreto viene stoppato da un giudice dopo che lo stesso presidente Temer, coperto da una pioggia di critiche da parte dei cittadini, aveva ipotizzato l’introduzione di correttivi al processo di sfruttamento e distruzione di questo polmone naturale.

Le associazioni ambientaliste, in primis il Wwf, hanno accusato il governo di «mettere a rischio le popolazioni indigene e importanti riserve ambientali» nel cuore dell’Amazzonia.

Il direttore del Wwf brasiliano Mauricio Voivodic ha dichiarato: «Una corsa all’oro nella regione farà danni irreversibili alle culture locali. Oltre a sfruttamento demografico, deforestazione, perdita di biodiversità e risorse idriche, potrebbe portare a una intensificazione dei conflitti per la terra e delle minacce alle popolazioni indigene».

«Il governo di Brasilia – scrive l’Ansa –  sostiene che la riserva è stata abolita per attrarre investimenti stranieri, in un momento in cui l’economia brasiliana lotta per uscire dalla recessione che l’ha colpita. Secondo l’esecutivo, le aree protette e i territori indigeni non verranno comunque toccati».

Ma cosa c’è di così appetibile nella Renca amazzonica? Oro, rame, tantalio, minerali ferrosi, nickel e manganese. «Più di venti società brasiliane e straniere si sono dette interessate a sfruttare le risorse minerarie».

Christian Poirer di Amazon Watch, riporta l’Ansa, ha affermato che il via libera di Temer allo sfruttamento dell’area «va vista nel contesto di sforzi più ampi per erodere le aree protette, indebolire le licenze ambientali e sminuire gli interessi degli indigeni, nell’interesse dei suoi ricchi sponsor dell’industria estrattiva».

L’attività mineraria rappresenta il 4% del Pil brasiliano ed ha prodotto l’equivalente di 25 miliardi di dollari nel 2016. «Ma il settore – si legge su Repubblica – sta ancora soffrendo gli effetti del tonfo dei prezzi delle materie prime e del rallentamento della domanda cinese».

Anche la modella Gisele Bündchen (e con lei il premio Oscar Leonardo DiCaprio) è stata «una delle attiviste più impegnate nella campagna sui social in difesa della Renca». La top model ha twittato: «Vergogna! Stiamo mettendo all’asta la nostra Amazzonia. Non possiamo distruggere le nostre aree protette per interessi privati».

 

http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2017/08/30/bloccato-sfruttamento-minerario-una-riserva-amazzonia_WhxyT2fivear3qZ7xiC30K.html?refresh_ce

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2017/08/30/brasile-sospeso-decreto-che-aboliva-riserva-amazzonia_70002a08-436e-4d94-80ae-d24c9583ea38.html

http://www.repubblica.it/ambiente/2017/08/30/news/brasile_stop_al_decreto_che_aboliva_la_riserva_in_amazzonia-174243090/

foto tratta da http://www.globalist.it/world/articolo/215009/brasile-indigeni-in-piazza-per-salvare-le-riserve-dell-039-amazzonia.html

e da https://macysfavourites.wordpress.com/2014/12/17/gisele-bundchen-una-forza-della-natura/

Tags:

Ads

You May Also Like

Mali: la guerra di tutti e di nessuno

Un nuovo raid di ribelli nel Nord del Paese uccide 24 soldati: sempre più intensi gli scontri. Una panoramica

di Lucia Frigo È un autunno di fuoco e polvere da sparo quello maliano. ...

Usa-Cina: la guerra dei dazi divampa

Hong Kong e Taiwan terreno di scontro fra le due potenze. Crolla Wall Street, e nell’ex colonia torna la violenza. La vendita di caccia F16 a Taipei  irrita Pechino

di Maurizio Sacchi Gli indici Dow Jones americani  sono crollati di circa 150 punti ...

Il contagio della svolta autoritaria

Il  pretesto della pandemia mette in pericolo la democrazia in molti Paesi.  E in Europa il modello è guidato dall'Ungheria di Viktor Orban che agisce quasi indisturbato

di Maurizio Sacchi e Salvo Secondini Adottando misure dichiarate “di emergenza”  per affrontare il ...