Caso Diciotti: senza diritti chi è in fuga dalle armi

Il Movimento Non Violento interviene sulla nave della Guardia Costiera all'ancora nel porto di Catania: "Molti fra i sequestrati  potrebbero essere obiettori di coscienza cui la Ue e la Costituzione italiana riconoscono la possibilità di asilo"

 

Poiché molti dei profughi sequestrati sulla nave Diciotti – all’ancora al porto di Catania ma senza permesso di sbarco per i suoi passeggeri – provengono  dall’Eritrea, molti tra lor potrebbero essere obiettori di coscienza, renitenti alla leva o  disertori che fuggono da un Paese dove il servizio militare è obbligatorio a tempo indeterminato, per uomini e donne, e inizia nei due  anni finali della scuola superiore. Lo sostiene un comunicato del Movimento Nonviolento che aggiunge: “L’Unione Europea riconosce il diritto all’obiezione di coscienza, e la  Costituzione italiana riconosce il diritto d’asilo per casi come questi.  Quindi – continua il MnV – quei giovani hanno fatto bene a fuggire, ed hanno tutto il diritto ad essere accolti e tutelati”. Obiezione e renitenza sono in Eritrea crimini gravissimi punti con pene altrettanto severe: l’associazione cita casi di obiettori rinchiusi in campi militari addirittura da 24 anni.

Il ministro dell’Interno – continua la nota – “ha dichiarato che sulla Diciotti ci sono  tutti immigrati illegali” mente, non può saperlo. Sono 150 persone,  maschi e femmine. Ogni singola posizione va valutata attentamente. Se  qualcuno di loro, proveniente dall’Eritrea, si dichiara obiettore di  coscienza al servizio miliare“, fuggito per evitare il carcere a tempo  indeterminato, rientra in ciò che è previsto dal terzo comma  dell’articolo 10 della Costituzione italiana (lo straniero, al quale  sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà  democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto di asilo nel territorio della Repubblica)”.
Il riconoscimento del diritto all’obiezione di coscienza al servizio
militare inoltre  – conclude la nota – “è uno dei fondamenti dell’Unione Europea. Un obiettore di  coscienza perseguitato nel proprio paese che si presenta al porto di  Catania, in Europa, ha il diritto ad essere accolto e vedersi  riconosciuto il diritto d’asilo. Ad essere illegali non sono i 150 profughi della Diciotti, ma il ministro che siede al Viminale”.

Tags:

Ads

You May Also Like

Mattanza in Mozambico

Oltre 50 persone sono state brutalmente decapitate  in un’esecuzione collettiva

Il senso della Liberazione

"Il 25 Aprile non è una festa della riconciliazione. No, è la festa degli antifascisti,  solo degli antifascisti. La Festa di chi pensa che il fascismo sia stata la peggiore invenzione italiana  assieme alla mafia". L'editoriale del direttore dell'Atlante

di Raffaele Crocco Ci risiamo. Ci risiamo con quelli che tentano di fare del ...

Attacco a Mogadiscio

Tra le vittime il vice ministro del lavoro Saqar Ibrahim Abdala e diversi poliziotti

Militanti di Al-Shabab in Somalia hanno attaccato un edificio governativo nella capitale, Mogadiscio, uccidendo ...