Colombia: un’ombra sulla pace

Poco più di 1000 dissidenti delle FARC riprendono le armi. Ma è crisi col Venezuela

Il 28 agosto, l’ex capo negoziatore delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC), Iván Márquez, ha annunciato tramite un video di YouTube il riarmo ufficiale di una fazione delle FARC nelle pianure orientali al confine col Venezuela. Alla radice di questa decisione stanno diverse difficoltà e ritardi da parte del governo, soprattutto dopo l’arrivo al potere dell’attuale presidente, Ivan Duque, nel 2018, nell’adempimento di numerosi accordi da parte del governo. Secondo il Kroc Institute, dopo due anni e mezzo , Il 31% degli accordi non è ancora stato messo in atto – e la pressione per garantire la giustizia per i crimini di guerra commessi dal gruppo armato nel corso del conflitto decennale ha favorito la sfiducia tra i comandanti militari. (Il Kroc Institute è un centro studi per la pace affiliato all’Università di Notre Dame, Indiana, Stati uniti). 

Márquez e il suo braccio destro, Jesús Santrich, sono attualmente oggetto di un’indagine per presunto coinvolgimento nel traffico di stupefacenti dopo la firma dell’accordo,  che prevede la non ripetizione di atti criminali. Attualmente, i combattenti delle FARC non sono perseguiti dal sistema giudiziario ordinario, ma dalla JEP -Juridiccion Especial para la Paz. Sebbene non vi sia alcuna prova al di là dei casi di Márquez e Santrich, ci sono circa 1.000 combattenti che hanno ripreso le armi, compresa la fazione guidata da Márquez.

Tuttavia, l’annuncio di Márquez contiene una chiara insinuazione di un’alleanza con l’altro principale gruppo di guerriglia ancora attivo in Colombia, l’Esercito di liberazione nazionale (ELN). Ciò potrebbe significare una minaccia più grande, poiché un’alleanza tra l’ala dissidente delle FARC e l’ELN può cambiare l’equilibrio fra i due fronti armati in diverse regioni del Paese, che stanno vivendo un difficile processo di normalizzazione dopo l’accordo di pace. Negli ultimi due anni, guerriglieri e gruppi criminali organizzati come le forze di autodifesa Gaitaniste – la più grande struttura criminale di estrema destra organizzata, noto anche come clan del Golfo – si sono divise di fatto le aree di influenza, occupando le zone precedentemente controllate  dalle FARC in tutto il Paese . Da parte sua, il leader dei dissidenti Márquez ha annunciato che cambierà strategia,  smetterà di prendere di mira la popolazione locale e persino i soldati, che, come i guerriglieri, provengono principalmente da famiglie contadine povere, concentrando le sue azioni sulle élite politiche, economiche e militari colombiane.

L’alleanza con l’ELN non ha solo un impatto nazionale, ma ha anche creato tensioni con il governo del presidente Nicolás Maduro nel vicino Venezuela. Come è stato affermato da diverse fonti all’interno dei media e del governo colombiano, l’ELN ha una forte presenza in Venezuela. Il suo comandante, Nicolás Rodríguez Bautista, alias Gabino, e membri del comando centrale dell’ELN come l’ex negoziatore Antonio García e Gustavo Aníbal Giraldo, alias Pablito, che guida la struttura più forte dell’ELN, operano oltre il confine tra Colombia e Venezuela.

I rapporti dell’intelligence colombiana stimano che  circa 1.000 uomini dell’ELN e circa 600 combattenti dissidenti delle FARC operino dal Venezuela.

“I guerriglieri colombiani ricambiano la protezione del regime di Maduro con  informazioni strategiche chiave per l’intelligence e le forze armate venezuelane. Un documento segreto rivela l’alleanza tra militari, servizi segreti venezuelani e guerriglieri per elaborare piani in cui analizzano i punti strategici dell’infrastruttura colombiana, nonché governo, esercito, porti, aeroporti, ponti e strade”. Così Semana, la più prestigiosa rivista colombiana, che ha ricevuto un dicumento riservato del Sebin, il servizio di intelligence militare di Caracas. Il direttore di Sebín ha inviato questo rapporto di 15 pagine al comando strategico operativo del ministero della difesa venezuelano il 4 luglio 2019. E due settimane dopo Marquez ha fatto il suo annuncio su You Tube, e si è unito ai gruppi armati dissidenti. In un’analisi che accompagna la notizia, María Teresa Ronderos, la maggior esperta di Semana sui temi dell’accordo di pace, commenta:

“La fine di una guerra di 50 anni non si fa in 30 minuti. L’accordo ha dato risultati evidenti nei territori, e che oltre il 90 percento degli ex combattenti abbia deposto le armi è un grande risultato. In molte di queste regioni, per la prima volta si vede un futuro, nelle comunità ci sono persone che tentano di costruirsi altre vite, ci sono persone smobilitate e ci sono progetti produttivi. Niente di tutto ciò poteva essere fatto con i proiettili e i bombardamenti. Ora, il riarmo di Márquez e Santrich mostra che la pace è ancora fragile e che deve essere protetta. Per non perdere una grande opportunità, il governo, gli uomini d’affari e i cittadini hanno ancora molto da fare”.

ma/sa

 

Nell’ immagine una vista di Bogotà

Tags:

Ads

You May Also Like

La cacciata di sudanesi ed eritrei

Richiedenti asilo eritrei e sudanesi sulla via dell’espulsione dallo Stato di Israele. La decisione ...

La sporca storia del petrolio nigeriano

di Tommaso Andreatta In Nigeria il 67% della popolazione – circa 112 milioni di ...

Timori per i civili di Idlib

Cresce la preoccupazione per profughi e residenti in vista di un attacco imminente alla città siriana

In vista di una nuova offensiva congiunta russo siriana sulla città settentrionale di Idlib ...