Dietro gli incidenti di Giacarta

Quasi due interi giorni di scontri in Indonesia  dove Prabowo Subianto, che ha perso le presidenziali contro Joko Widodo, ha chiamato i suoi per contestare i risultati

di Emanuele Giordana

Quasi due giorni interi e soprattutto due notti di scontri a Giacarta dove chi ha perso le presidenziali ha chiamato i suoi per contestare i risultati. Almeno sei vittime. Centinaia i feriti e gli arrestati. Le avvisaglie in realtà  c’erano già state alla vigilia dei risultati delle presidenziali indonesiane che hanno confermato al secondo mandato Joko “Jokowi” Widodo. Alcuni supporter dell’ex generale Prabowo Subianto, conservatore appoggiato dall’islam radicale nonché arrivato anche questa volta secondo, vengono fermati lunedi a Giava orientale con 4 cocktail Molotov nascosti nel minibus.

La meta è la capitale Giacarta dove mercoledi devono esser resi noto i risultati, anticipati poi a martedi. Jokowi (a sinistra tra i suoi elettori) vince il testa a testa e allora i militanti che Prabowo ha chiamato a raccolta scendono in piazza con una manifestazione ben preparata – mazze, razzi e bottiglie incendiarie – che è il seguito delle minacce reiterate dell’eterno secondo: se non vinco, contesto. Ci sono anche due figlie importanti: quella di Suharto (sua ex) e la minore di Sukarno. Si scatena l’inferno e la battaglia è lunga. Sembra conclusa a notte fonda ma alle 4 di mattina di mercoledi, gli amici di Prabowo tornano in piazza. All’inizio l’urto è forte e la polizia retrocede persino. Ha ordine di non sparare. Verso le tre del pomeriggio, torna la calma. I manifestanti han negoziato e sono ormai circondati. In seguito però la battaglia ricomincia per la seconda notte. Si conclude con oltre 250 arrestati.

Jokowi non la prende bene: conciliante coi partiti minaccia però il pugno di ferro contro chi turba l’ordine. Ammessi solo i metodi consueti di contestazione per le elezioni appena concluse dove si è scelto presidente e parlamentari. Il bilancio degli scontri “orchestrati”, come dice la polizia della capitale, è ancora incerto: almeno sei morti e un paio di centinaia di feriti. Oltre 320 arrestati dopo le due notti di fuoco e un bottino di mazze e molotov ma anche di armi da fuoco. Ventiquattro ore di guerriglia che la capitale non vedeva da tempo. Massima allerta. Tensione e pattugliamenti, limiti alle piattaforme social. Gli occhi aperti di quasi 50mila tra poliziotti e soldati dislocati in città.

Prabowo Subianto

Situazione tesa ma sotto controllo seppur con difficoltà, Jokowi porta intanto a casa il 55,5% dei 154,26 milioni di voti validi e incassa una doppia vittoria. Che la Nahdlatul Ulama, la più grande organizzazione islamica del Paese, stia con Jokowi è scontato visto che nel suo ticket presidenziale il suo vice è Maruf Amin, ex uomo di vertice della NU e a capo del Consiglio degli Ulema. Ancor prima della protesta però, Jokowi incassa la presa di distanze della Muhammadiya, l’altra grande organizzazione di massa dell’islam locale. Vieta ai suoi di manifestare. Muhammadiya non ha ufficialmente sostenuto Prabowo, ma alcuni suoi personaggi non gli han fatto mancare appoggio, seppur sotto traccia. Prabowo dunque deve accontentarsi degli esagitati dei partitini islamisti minori anche se la sua affermazione (44,5%) dice che oltre 65 milioni di indonesiani lo hanno votato. Un elemento da considerare.

Maruf Amin

Ora per Jokowi si apre la sfida del secondo mandato. Non sono probabilmente gli incidenti di questi giorni (che potrebbero ripetersi) a preoccuparlo ma i motivi della semi vittoria di Prabowo: conservatore, reazionario, ferocemente anti cinese, ammanicato con la vecchia guardia militare e amico di giovani radicali che non considerano Jokowi un buon musulmano. Cosa che nel Paese musulmano più popoloso del globo è sempre stato un grosso problema.

In copertina un fotogramma dalla televisione del Qatar Al Jazeera: sostenitori islamisti di Prabowo in piazza a Giacarta

Tags:

Ads

You May Also Like

Congo, omicidi mirati

Don Étienne Mutembe, parroco di Kitchanga è stato ucciso dopo la messa. Almeno 15 i gruppi armati attivi secondo il vescovo di Goma

La Repubblica Democratica del Congo non è un luogo sicuro per nessuno, neppure per ...

Piazze rivali

Ancora una giornata di manifestazioni contrapposte a Caracas. Occhi puntati sul 23 febbraio. Il Paese è sull’orlo della guerra civile e in piena crisi umanitaria mentre la diplomazia non fa passi avanti per mediare

di Maurizio Sacchi Il 23 febbraio potrebbe essere una giornata decisiva per le sorti ...

Protesta nel Paese svuotato

Gli emigrati della Romania alzano la voce contro il Governo social-democratico, accusato di corruzione. In autunno nuove manifestazioni

di Alice Pistolesi Il mese di agosto è per i moltissimi romeni espatriati un ...