Apartheid climatico

“Mentre le persone in povertà sono responsabili solo di una frazione delle emissioni globali rischiamo uno scenario in cui i ricchi pagano per sfuggire al surriscaldamento, alla fame e ai conflitti mentre il resto del mondo è lasciato a soffrire" dice l’ultimo rapporto dell’Onu

“Perversamente, mentre le persone in povertà sono responsabili solo di una frazione delle emissioni globali, sopportano il peso dei cambiamenti climatici hanno al contempo una minima capacità di proteggersi: rischiamo uno scenario di apartheid climatico in cui i ricchi pagano per sfuggire al surriscaldamento, alla fame e ai conflitti mentre il resto del mondo è lasciato a soffrire”. Così il relatore speciale delle Nazioni Unite su estrema povertà e diritti umani, Philip Alston (a sinistra nell’immagine), in un rapporto (che si può leggere qui) secondo cui il cambiamento climatico avrà il suo maggiore impatto su chi vive in povertà. Ma è già una minaccia  – avverte il documento dell’Onu – anche per la democrazia e i diritti umani. “Anche se verranno raggiunti gli attuali obiettivi, decine di milioni di persone verranno impoverite, portando a diffuse migrazioni e alla fame” dice il rapporto  Climate change and poverty. Report of the Special Rapporteur on extreme poverty and human rights

“Il cambiamento climatico minaccia di annullare gli ultimi 50 anni di progressi nello sviluppo, nella salute globale e nella riduzione della povertà…Potrebbe spingere nella povertà oltre 120 milioni di persone in più entro il 2030 e avrà l’impatto più grave nei paesi poveri, nelle regioni e nei luoghi in cui vivono e lavorano i poveri”. Persino l’irrealistico scenario migliore di 1,5 ° C di riscaldamento entro il 2100 vedrà temperature estreme in molte regioni e lascerà alle popolazioni svantaggiate insicurezza alimentare, perdita di reddito e peggioramento della salute. Molti dovranno scegliere – conclude l’allarme dell’Onu – tra fame e migrazione.

In copertina un’immagine del Mali e sopra una mappa del processo di desertificazione globale

(Red/E.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

L’importanza di chiamarsi Macedonia

Analisi del referendum consultivo che chiedeva di esprimersi in merito all’accordo con la Grecia sulla  ridenominazione dello Stato. Meno del 50% degli aventi diritto  si è recato alle urne. E il risultato ora complica le cose

di Elia Gerola. Domenica 30 settembre 2018 si è tenuto nella ex Repubblica jugoslava ...

Il senso di una Dichiarazione

A Settant'anni dalla Carta internazionale dei diritti dell'uomo c'è chi sceglie di ricordarla

Alla vigilia del 70° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, domani 5 dicembre ...

Somalia, l’embargo violato

Emirati Arabi Uniti ma anche lo stesso governo somalo continuano a non rispettare la restrizione Onu. Un nuovo rapporto

di Al. Pi. L’imposizione di un embargo non è, come si sa, di per ...