Eisbolè, teatro d’impegno con l’Atlante in scena

E’ stato presentato ieri nella sede della CGIL Toscana Eisbolè, il progetto  di Fa.R.M., Atlante delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo e Associazione 46° Parallelo.

Il progetto nasce da una squadra composta da CGIL Toscana, Fondazione Finanza Etica, Legambiente, Arci Toscana, e Anpi Firenze,​ che ha creduto e sostenuto fin da subito questo progetto ambizioso capendone l’importanza e intuendone le potenzialità, fino a ricevere il Patrocinio del Consiglio Regionale della Toscana​.

“Assuefatti come siamo -spiegano le attrici di Farm – ad una logica di ​normalità​ dei conflitti​, del sensazionale che diventa ordinario, del disarmante succedersi senza soluzione di continuità di nuovi focolai di guerra, nuove battaglie, nuove atrocità perpetrate nel mondo. Quando si spengono i riflettori sui combattimenti​, quando violenza si sussegue a violenza in una logica senza senso e infine diventa nuova quotidianità, è lì che bisogna intervenire. Con questo intento nasce il progetto ​ , un teatro di impegno, che diventa cortometraggio e docufilm​ per tenere viva l’attenzione sul tema dei conflitti, sul fenomeno migratorio dovuto alle guerre e non solo”.

Quando si spengono i riflettori sui combattimenti, quando violenza si sussegue a violenza in una logica senza senso e infine diventa nuova quotidianità, è lì che bisogna intervenire.

Con questo intento nasce il progetto Eìsbolè.

Un modo altro per mantenere un occhio vigile sugli accadimenti che ogni giorno si dipanano sotto le luci delle telecamere, per poi diventare colpevolmente rumore di fondo; un modo altro per arrivare all’origine delle cause reali del fenomeno migratorio (diventato ormai esodo di massa), per analizzare il fenomeno in tutta la sua complessità

“Ci interessa far capire l’origine dei fenomeni che andiamo a raccontare, bisogna capire cosa succede prima che le persone partano e le guerre scoppino” – “Quella che noi vediamo come la causa di un disagio è in realtà l’effetto di altre cause: guerre, sfruttamento, colonizzazione militare e culturale”.

Una rassegna teatrale porterà lo spettacolo nei teatri, nelle scuole, nelle fabbriche, per riportare il tema della guerra e del fenomeno migratorio sotto i riflettori, visti però sotto altra luce.

Il primo appuntamento ufficiale per la promozione e presentazione del progetto sarà in Santo Spirito, Firenze, alla manifestazione “Per la Pace e i Diritti

Tags:

Ads

You May Also Like

La guerra del caldo

Riscaldamento globale. Nei prossimi 50 anni da 1 a 3 miliardi di persone resteranno fuori dalle condizioni climatiche che hanno servito l'umanità per oltre seimila anni

Il futuro della terra e il riscaldamento globale mettono a rischio nei prossimi 50 ...

Scontri a Caracas dopo la sfida di Guaidó

Incidenti in corso nella capitale  dopo la chiamata al sollevamento delle forze militari e delle piazze dalla base dell'aviazione  de La Carlota

Guaidó dalla base dell’aviazione militare de La Carlota chiama al sollevamento delle forze  militari ...

Siria, perché non ci crediamo

Dopo 500mila morti in una guerra senza fine, improvvisamente qualcuno decide di punire Assad. Una riflessione e qualche proposta dopo il blitz in Siria

di Raffaele Crocco E’ una lunga litania di non ci credo. Non ci credo ...