Gaza, un giornalista per ogni giorno di guerra

In un mese di conflitto tra Israele e Palestina sono stati uccisi 41 reporter. La denuncia di Rsf

In un mese di guerra tra Israele e Palestina sono stati uccisi 41 giornalisti, ovvero più di un giornalista al giorno. Trentasei di loro sono reporter palestinesi uccisi nella Striscia di Gaza dagli attacchi israeliani. Di fronte a questo bilancio omicida – scrive Reporter Senza Frontiere – Rsf ha presentato una denuncia alla Corte Penale Internazionale per crimini di guerra commessi contro i giornalisti in Palestina e Israele, e chiede la protezione immediata dei giornalisti.

Più di 50 uffici stampa sono stati completamente o parzialmente distrutti dagli attacchi israeliani, l’ultimo dei quali è stato quello dell’Agence France-Presse (Afp). Nella Striscia di Gaza nessun posto è sicuro per i giornalisti. Che si trovino in campo aperto, lavorando nelle tende stampa allestite vicino agli ospedali, o riposando nelle loro case o in rifugi di fortuna con i loro cari, i giornalisti, che continuano a riferire su uno dei conflitti più mortali di questo secolo, sono in imminente pericolo di morte a Gaza. Questa situazione è una tragedia per il giornalismo. Abbiamo bisogno del  sostegno di tutti – conclude la nota – per agire al fine di per proteggere i giornalisti.

In copertina uno scatto di Mohammad Zaanoun (Rsf)

Tags:

Ads

You May Also Like

Ucraina: 110 giorni di orrore

Quasi 5mila civili uccisi e 50mila soldati morti. La guerra non si ferma. Viaggio a Kiev di Draghi, Sholz e Macron

di Raffaele Crocco La guerra è solo orrore. In Ucraina come altrove. Superati i ...

“Afghanistan il futuro negato” martedi 14 dicembre a Trento

Il primo incontro pubblico nazionale e in presenza sul futuro del Paese asiatico. La strategia italiana e la società civile afgana, la cooperazione e l'asilo. Organizzato da "46mo Parallelo" e "Afgana" col sostegno della Provincia Autonoma

Afghanistan il futuro negato Conferenza nazionale pubblica sulle prospettive e l’impegno italiano nel Paese ...

Nigeria, l’ombra dei social sulle elezioni

Nel febbraio 2019 il Paese, in preda alla violenza, sceglierà il nuovo presidente mentre rimbalzano notizie di presunte morti e incitamenti all'odio

Sale in Nigeria l’attesa per le elezioni presidenziali di febbraio 2019. Gli oltre 80 milioni ...