Giro di vite a Caracas

Lo spagnolo Felipe Gonzalez duro su Maduro, ma lancia un’idea di pace europea e sudamericana

di Maurizio Sacchi

Sei membri dell’esercito e della polizia venezuelani sono stati arrestati, secondo fonti dell’opposizione, settimane dopo la fallita rivolta contro il presidente Nicolás Maduro. Fra essi, un generale di brigata dell’aviazione, ed ex agenti di polizia. Il governo non ha ancora commentato. Alcuni degli arresti hanno avuto luogo durante una visita nel paese della responsabile delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’ex premier cilena Michelle Bachelet (a sinistra), che ha invitato Maduro a rilasciare “persone arrestate per aver protestato pacificamente”. Il presidente Maduro ha intensificato un giro di vite sull’opposizione dopo la fallita rivolta militare guidata dal leader dell’opposizione Juan Guaidó del 30 aprile scorso. Più di 700 persone sono state detenute in Venezuela per motivi politici, tra cui 100 membri dell’esercito, secondo la sezione locale del gruppo Penal Forum per i diritti umani.

Il generale di brigata dell’aeronautica militare Miguel Sisco Mora è stato arrestato venerdì in un parcheggio nella città di Guatire, a circa 40 chilometri a est della capitale Caracas, così ha riferito sua figlia su Twitter. Il capitano di Corvetta Rafael Costa è stato arrestato nella vicina Guarenas, mentre il colonnello Francisco Torres, dell’Areonautica militare, è stato arrestato dall’agenzia di intelligence Sebin nella sua casa di Caracas. Gli altri arrestati sono l’ufficiale dell’aeronautica in pensione Miguel Castillo Cedeño, e José Valladares e Miguel Angel Ibarreto, ex alti funzionari dell’agenzia di polizia forense (CICPC).

Ancor più dei diritti civili, l’emergenza venezuelana si accentra sulle condizioni di vita della popolazione. Secondo uno studio dell’Assemblea nazionale, controllata dall’opposizione, il tasso di inflazione annuale aveva già il novembre scorso raggiunto il 1.300.000% nei 12 mesi. Alla fine dell’anno scorso, i prezzi raddoppiavano in media ogni 19 giorni. Ciò ha messo molti venezuelani nella condizione di dover lottare per procurarsi beni di base come il cibo e i medicinali. Anche il numero di bolivar – la valuta nazionale – necessari per acquistare un dollaro è salito alle stelle, sfiorando i 1.600 bolivar. Mentre l’economia mostra un PIL in crollo: da tre anni ormai denuncia un calo di più del 15% l’anno.Tra governo Maduro e opposizione, ci si rimbalza la colpa della catastrofe, il primo indicando nelle sanzioni “imperialiste” la causa dello strangolamento dell’economia; e la seconda accusando l’inefficienza, la corruzione, e le scelte strategiche del chavismo come vera ragione del disastro umanitario.

Sui dialoghi di pace attualmente in corso ad Oslo fra le due parti si è espresso duramente dall’ex capo del governo della Spagna, Paese che segue da vicino la crisi,  Felipe Gonzalez (a sn): “Se ripongo speranza riguardo ai dialoghi in Norvegia? Poca. Il dialogo è nato sbagliato, e consente a Maduro di guadagnare tempo. Oggi la decomposizione del governo di Maduro è molto più grande che nel 2016 [quando i dialoghi tra governo e opposizione si sono svolti a Santo Domingo]. E non sono contrario a che ci si sieda per parlare, ma l’opposizione deve essere chiara su ciò che sentono. Perché altrimenti, il dialogo giova solo alla sopravvivenza della tirannia “. Così si è espresso lo storico leader al XII Foro Atlantico, organizzato dalla Fundaciòn Internacional para la Libertad – diretto dallo scrittore Mario Vargas Llosa – a Casa América, a Madrid.

“I diritti non si negoziano, si esigono”, ha continuato González, che ha anche parlato della recente visita di Michelle Bachelet, l’alta commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani, in Venezuela la scorsa settimana. “Lo stesso vale per la visita della mia amica Bachelet: prima di arrivare a Caracas, rilasciano prigionieri politici, cosa che hanno imparato molto bene da Fidel [Castro]. Dovremmo ringraziarlo per aver rilasciato Gilber Caro? Grazie di cosa? Non dovrebbe mai essere stato imprigionato. È un segnale che puoi sederti a parlare, ma non bisogna entrare mai nel marketing della carne umana “, ha aggiunto. “Il primo giorno di seduta, si dovrebbe dire chiaramente: ascoltate, non si discute di quanti prigionieri debbano essere messi in libertà. È che non ce ne possono essere“. L’ex premier spagnolo González ha rivelato che i mediatori norvegesi a suo tempo hanno cercato di contattarlo per partecipare ai dialoghi. Inoltre, ha rivelato un’ altra conversazione telefonica con Juan Guaidó, nel quale ha raccomandato di non lanciare più giorni D -così era stato battezzato il tentativo di insurrezione di aprile- o ore H. “Se quei giorni non danno risultato, si genera frustrazione, e questo è un processo lungo, non qualcosa che accade in un giorno”.

González ha spiegato chiaramente la sua posizione: il Venezuela ha bisogno di un governo di transizione di nove o dieci mesi che in nessun caso possa contare sulla presenza di Nicolás Maduro. E ha insistito con le date: “Non puoi perdere tempo a negoziare i piccoli dettagli, se Leopoldo [López] può lasciare l’ambasciata spagnola, o se i prigionieri vengono rilasciati. I bambini muoiono negli ospedali, c’è un esodo di massa “. I quattro milioni di esiliati e le cifre della crisi venezuelana sono stati anche presi in considerazione durante l’evento, in cui sia Vargas Llosa che González hanno chiesto all’Unione europea di raggiungere un accordo con il Gruppo Lima e raggiungere “una soluzione latinoamericana”.

Ma questo approccio sembra in collisione con il recente richiamo alla dottrina Monrore da parte di Donald Trump, che sotto il motto “l’America agli americani” ritiene affare degli Usa, e non dell’Europa o di altri, quanto avviene e avverrà in Venezuela. E non pare che un tavolo negoziale, e un governo di transizione siano le soluzioni gradite a Washington oggi.

Tags:

Ads

You May Also Like

Dietro il buio di Caracas

Ancora piazze contrapposte nella capitale dopo  il mega blackout che ha abbracciato il Venezuela incrociando  le accuse  tra Maduro e Guaidó che sembrano spingere ancora verso una soluzione di forza. Ma forse nelle retrovie si tratta

di Maurizio Sacchi Per più di due giorni tutto il Venezuela è rimasto senza ...

Polveriera Mozambico

Un gruppo terroristico si diffonde nel Paese dove la ricchezza data dalle materia prime non è condivisa. Dove nasce la violenza e qualche perché

di Alice Pistolesi Una nuova ondata di violenza invade il Mozambico. Un’ondata che pare ...

Oltre le stragi. Gli afgani scelgono la tregua

La risposta ai sessantasei morti dell'ultima domenica di attentati ai centri di registrazione elettorale è una protesta pacifica ed estesa in sedici province dell'Afghanistan

di Emanuele Giordana Nonostante i continui attentati stragisti ai centri di registrazione per il ...