I guarimberos scuotono il Venezuela

Precipita la situazione del Venezuela, scosso da scontri di piazza e tentativi più o meno mascherati di accentramento del potere.

In pochi giorni il Paese è stato infatti teatro di  quello che in molti hanno ritenuto ‘un tentativo di golpe’ da parte del Tribunale Speciale di Giustizia, una serie di scontri tra le forze di opposizione in cui un giovane di 19 anni ha perso la vita, molti sono stati i feriti e svariati gli arresti. Secondo le autorità, il bilancio è di 14 persone arrestate e 17 feriti, durante le oltre tre ore di tafferugli. Circa 4mila manifestanti sono stati respinti dalla polizia e dalla guardia nazionale.

In nemmeno 48 ore il Tribunale ha disposto l’acquisizione dei poteri del parlamento ed è tornato sui suoi passi, spinto probabilmente da pressioni internazionali.

Inoltre  i giudici del Tribunale supremo di giustizia hanno revocato l’immunità parlamentare dei membri dell’Assemblea.

Intanto l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) ha aperto un’indagine nei confronti di Caracas per violazioni della Carta democratica interamericana. Mossa simile anche per Mercosur, che ha attivato la “clausola democratica” dei suoi trattati istitutivi.

Queste mosse stanno portando il Venezuela all’isolamento internazionale.

Per molti quindi il tentativo di Maduro è l’accentramento del potere. Secondo varie fasce della sinistra questo atteggiamento è da giustificarsi anche tramite le esternazioni del presidente degli Stati Uniti, nella rinnovata veste di gendarme dell’ordine internazionale.

Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson ha infatti recentemente definito il Venezuela come ‘una calamità’ e Trump ha incluso il  vicepresidente venezuelano, Tarek El Aissami, fedelissimo di Maduro, nella lista Usa dei narcotrafficanti.

Al Parlamento europeo, i deputati della sinistra hanno respinto l’approvazione di una mozione di condanna. In Spagna, Podemos ha annunciato il proprio sostegno con un chiaro Giù le mani dal Venezuela».

Tra i sostenitori di Maduro c’è infatti chi sottolinea la situazione di guerra economica e sabotaggio, oltre ad una drastica caduta dei prezzi del petrolio.

Ma chi sono gli oppositori del presidente Maduro? I guarimberos si rifanno principalmente alle destre del paese. Durante le proteste ci sono stati attacchi a scuole pubbliche, edifici, giornalisti.

Gli oppositori utilizzano tecniche di guerriglia da strada come già era avvenuto nel 2014, quando gli scontri provocarono 43 morti e oltre 850 feriti.

Da anni il Venezuela regna l’incertezza e passa di crisi in crisi, sia economia che politica.

Da capire quanto sia rimasto della rivoluzione di Chavez che dal 1999 aveva portato a nazionalizzare larghi settori dell’economia.

Aluni osservatori hanno visto in questa svolta ‘bolivarista’ il difetto di non aver investito sullo sviluppo del paese e non aver saputo mantenere le aspettative di molte fasce della popolazione che si aspettavano una maggiore redistribuzione della ricchezza con la nazionalizzazione del  settore petrolifero.

Secondo l’Ispi (l’Istituto per gli studi di politica internazionale) si tratta quindi di formalizzare la dittatura che ha portato il paese anche alla deriva economica. Secondo l’istituto di ricerca il PIL si è contratto di circa il 26% negli ultimi tre anni e l’’inflazione supera il 1600% l’anno.

Tags:

Ads

You May Also Like

La marcia a Città del Messico

La carovana migrante dall'America Centrale si rifocilla in un campo profughi nei pressi della capitale messicana. L'Onu denuncia 100 persone scomparse

La carovana dentroamericana dei migranti è già a Città del Messico. Circa 4.000 centroamericani, ...

La Somalia di «formaggio»

di Ilario Pedrini È successo sabato per le vie di Mogadiscio. Posto e tempistica ...

Una festa, solo una festa

L'Adunata degli Alpini a Trento è stata un'occasione sprecata. In questa retorica da straccioni ci siamo dimenticati di pensare un solo momento dedicato a chi è stato ed è contro la guerra

di Raffaele Crocco* Ora che sta finendo, ora che stanno sfilando in tanti, tantissimi, ...