I migranti: un fronte per Biden

Molti i minori fra i 100mila che si trovano al confine con gli Usa. I repubblicani all'assalto del neo Presidente

di Maurizio Sacchi

Un numero crescente di bambini, alcuni di appena sei anni, provenienti da Guatemala, El Salvador e Honduras stanno arrivando al confine fra Stati uniti e Messico, senza genitori o tutori. Lo scorso mese di febbraio, 100.441 migranti hanno tentato di attraversare il confine il, il livello più alto da marzo 2019. Il dato è fornito dalla Customs and border protection (Cbp) , che segnala un aumento costante degli “incontri”, come vengono eufemisticamente descritti gli arresti,  ogni mese dall’aprile 2020, che segnala un particolare aumento dei minori non accompagnati.

I funzionari affermano che il numero di persone sorprese a tentare di attraversare il confine tra Stati Uniti e Messico sta  raggiungendo il record degli ultimi  20 anni. Persone che poi vengono espulse, sulla base delle regole di sicurezza legate al coronavirus ereditate da Donald Trump. Che hanno fatto sì che i minori non accompagnati siano stati rimandati direttamente in Messico. “Penso che siamo stati  ]tutti] colti di sorpresa da questa ondata”, ha detto María Teresa Kumar, presidente e fondatrice dell’organizzazione politica di base Voto Latino.”È straziante sapere che ci sono bambini che hanno freddo e non hanno una famiglia. È uno di quei casi in cui sembra che non ci siano risposte giuste. Sapere che le persone all’interno dell’amministrazione sono molto dalla parte degli immigrati mi dice che ci sono veri dilemmi morali in corso in questo momento e non vorrei esserenei loro panni “.

Biden ha cambiato queste regole, stabilendo che i minori siano ospitati in una struttura di pattuglia di frontiera e, entro 72 ore, siano affidati al servizio sanitario Usa;  per essere poi collocati presso un membro della famiglia o un tutore. Ma il sistema si è rivelato subito inadeguato, e così ora  circa 4.500 bambini si trovano  bloccati in strutture  progettate per uomini adulti e del tutto incapaci di accoglierli. Gli avvocati che hanno visitato una struttura in Texas hanno descritto bambini costretti a dormire sul pavimento o su panche di metallo, e autorizzati a uscire a prendere un po’ d’aria  per pochi minuti, nemmeno tutti i giorni. L’amministrazione sta cercando di  aumentare la capacità di accoglienza, aprendo rifugi di emergenza e utilizzando un centro congressi a Dallas per ospitare fino a 3.000 adolescenti. Ha anche dispiegato l’Agenzia federale per la gestione delle emergenze (Fema), in genere adibita a inondazioni, tempeste e altri disastri naturali. E qualche ragione c’è.

Molti di questi bambini si recano negli Stati uniti per riunirsi ai familiari o sfuggire alla povertà, alla criminalità e alla violenza. L’America centrale è stata colpita dagli uragani e dalle ricadute economiche del Covid-19. In un’intervista alla ABC questa settimana, Biden ha negato che la ragione dell’aumento sia legata a quello che da noi si definirebbe “buonismo”. Alle accuse repubblicane che sia l’immagine di “nice guy”, brava persona, che Biden trasmette, a causare questo afflusso di migranti, il presidente ha risposto “Vengono perché la situazione in cui si trovano è tremenda”. una risposta in linea con le promesse della campagna elettorale democratica, che ha portato Biden e Kamala Harris a interrompere  la costruzione del muro al confine col Messico,  e a impegnarsi a smantellare le politiche di tolleranza zero di Trump.

I repubblicani si sono subito impadroniti del tema, affermando che al confine  si sta verificando un disastro. Il leader della minoranza alla Camera, Kevin McCarthy, ha guidato una delegazione di una dozzina di repubblicani a El Paso, in Texas, e ha parlato della “crisi del confine di Biden”, aggiungendo: “È più di una crisi. Questo è il collasso“. “Stanno distruggendo il nostro Paese. Le persone stanno arrivando a centinaia di migliaia e, francamente, il nostro Paese non può gestirlo. È una crisi come raramente abbiamo avuto e, certamente, non abbiamo mai avuto al confine “, ha dichiarato Trump in un’intervista a Fox News. Per i repubblicani, scossi dalla sconfitta elettorale, dalle divisioni interne e dall’incapacità di bloccare il progetto di legge di Biden per il Coronavirus, il problema dei migranti alla frontiera Sud rappresenta una occasione di rivalsa e di ricompattamento del fronte di destra .

Henry Olsen, un senior fellow del think tank dell’Ethics and Public Policy Center di Washington, ha dichiarato: “Se i numeri scendono il mese prossimo, questa non è una crisi, ma non è quello che ci si aspetta (…) questo sarà un problema duraturo ed endemico. “È qualcosa che stimola e unisce la coalizione di voto di Trump e potrebbe essere facilmente visto come un fallimento da un numero considerevole di persone che hanno votato Biden, ma non sono democratici incalliti. Quindi penso che sia una mossa molto intelligente da parte dei repubblicani giocare a questo gioco,  e Biden ha bisogno di capire come essere compassionevole senza essere ingenuamente accogliente. Non ha ancora capito come farlo. “

La signora Kumar di Voto Latino ha commentato: “I repubblicani sono fasulli, e tutto questo è freddamente calcolato, perché sanno di avere problemi con le elettrici bianche delle zone suburbane, e pensano che questo tema possa aiutarli ad aumentre i consensi in questo elettorato, in vista delle elezioni di midterm”, quando fra due anni si rinnoverà una parte del Congresso… È cinico e disgustoso (…):  quando i bambini morivano letteralmente al confine, quando avevano un presidente che lanciava gas lacrimogeni ai profughi, nessuno di loro si è alzato in piedi. È opportunismo, cinico, freddo e vergognoso “.

La Casa bianca ha sottolineato che l’amministrazione Trump ha separato con la forza quasi 3.000 bambini dai genitori, senza alcun programma per riunirli. Alejandro Mayorkas, il primo migrante e primo latino nominato  responsabile del Dipartimento per la sicurezza interna, ha detto al Congresso: “Una crisi è quando una nazione è disposta a strappare un bambino di nove anni dalle mani dei suoi genitori e separare quella famiglia per scoraggiare la futura migrazione. Questa, per me, è una crisi umanitaria “. “Il sistema è stato sventrato”, ha detto, “le strutture sono state chiuse e hanno crudelmente espulso i bambini nelle mani dei trafficanti. Abbiamo dovuto ricostruire l’intero sistema, comprese le politiche e le procedure necessarie per applicare le leggi sull’asilo approvate dal Congresso molto tempo fa “.

Da un “hotspot”, un avamposto di frontiera per la migrazione irregolare vicino al Rio Grande, nei pressi di  Los Ebanos, una minuscola comunità di confine collegata al Messico da un traghetto a fune azionato a mano, un inviato del Guardian di Londra riferisce: “Per un paio d’ore non succede molto, finché gli agenti inseguono un gruppo – sei uomini e una donna – che cercano di nascondersi nella vegetazione secca. Vengono ammanettati e “lavorati” sul ciglio della strada, ciascuno dando il proprio nome, età e paese di origine a un agente di pattuglia di frontiera bilingue, prima di riporre gli effetti personali – portafoglio, gioielli e telefono – in sacchetti di plastica individuali. Il sole è penetrante; i migranti sembrano esausti.(…)

Christian sembra completamente sconcertato da quello che è appena successo. I raccolti della sua famiglia sono stati distrutti lo scorso novembre quando due uragani mortali – Eta e Iota – si sono abbattuti sul territorio a due settimane l’uno dall’altro. Il terreno è stato allagato per due mesi, senza lasciare loro raccolto e incapaci di prepararsi per la prossima stagione. “Non ci sono posti di lavoro e non abbiamo soldi né cibo”, ha detto, scuotendo la testa. Emerson, 25 anni, membro della comunità indigena Maya Q’eqchi di Puerto Barrios a Izabal, in Guatemala, ha lasciato la moglie e due giovani figlie, sperando di trovare lavoro. “Sono un meccanico di macchinari, ma il lavoro è sparito con la pandemia e poi le cose sono peggiorate molto con l’uragano Eta.”

Ancora: “Ingrid, una delle due salvadoregne, ha detto di avere 18 anni ma sembra molto più giovane. Indossa due braccialetti di plastica – uno rosso, l’altro bianco – che secondo i rapporti sono usati dai coyote (contrabbandieri o guide) per indicare che sono stati effettuati pagamenti a gruppi della criminalità organizzata che controllano il confine. Ingrid viveva con suo zio a Ilopango, una città tentacolare alla periferia della capitale salvadoregna con alti livelli di violenza di gruppo e brutalità della polizia.”  Gli agenti delle pattuglie di frontiera non hanno risposto a nessuna domanda dell’inviato del Guardian, ma uno ha detto ai suoi colleghi: “Questa è stata una buona giornata di lavoro“. Un altro ha detto che sperava che avrebbe  fatto loro una buona pubblicità.

Nell’immagine, una foto del muro di Trump di Barbara Zandoval per Unsplash

Tags:

Ads

You May Also Like

Bombe su chi migra/Scontro al CdS (aggiornato)

Il raid in un centro di detenzione in Libia ha causato decine di vittime. Migliaia le persone ancora bloccate. Bachelet: "crimine di guerra". All'Onu si litiga sulle responsabilità

Un bombardamento aereo ha colpito un centro di detenzione di migranti a Tajoura alla ...

Una piccola morte racconta la tragedia della Bosnia di oggi

Di Edvard Cucek Mahir Rakovac 2001-2015 E’ come se si fossero accesi i riflettori ...

La sfida della riconversione

Trasformare l'emergenza sanitaria in un'occasione: l'appello, le proposte e le azioni concrete di una rete che parte da 'Economia Disarmata'

Trasformare l’emergenza sanitaria in un’occasione per la riconversione dell’industria militare. Con questo obiettivo Economia ...