Il Perù scarica Castillo

La  ex vice Dina Boluarte  sostituisce il Presidente dopo un tentativo di golpe istituzionale del Capo dello Stato. Agli arresti e sfiduciato dal Congresso

Un rapidissimo cambio di passo vede oggi in Perù un nuovo Capo dello Stato dopo che l’ex Presidente Pedro Castillo è stato messo sotto accusa e arrestato poche ore dopo che aveva tentato di sciogliere il Parlamento che avrebbe potuto esautorarlo con un procedimento di impeachment. Si tratta di Dina Boluarte – in precedenza vicepresidente – che ha prestato giuramento “dopo una drammatica giornata a Lima mercoledì”, scrive stamani l’emittente britannica Bbc che ricorda come all’inizio della giornata, Castillo avesse deciso di sostituire il Congresso con un “governo di emergenza eccezionale”.

I parlamentari però lo hanno ignorato e in una riunione di emergenza lo hanno messo sotto accusa – con una rapidissima decisione di impeachment – dando mandato perché fosse arrestato con l’accusa di ribellione. Secondo i media locali (come riporta qui accanto El Comercio) Castillo avrebbe cercato rifugio nell’ambasciata messicana della capitale ma è stato arrestato mentre vi si recava. Dina Boluarte, una avvocatessa di 60 anni, ha dichiarato che governerà fino al luglio 2026, quando sarebbe terminata la presidenza di Castillo (nella foto di copertina). Tutto è iniziato con una drammatica trasmissione della mattina nella quale Castillo ha annunciato in diretta  lo Stato di emergenza e la decisione di sciogliere il Congresso, dominato da chi si oppone alla sue politiche. Ma il goipe bianco non è durato nemmeno 24 ore. Forse già tra una settimana sarà giudicato in tribunale.

 

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Un appuntamento contro la guerra il 23 luglio

Una  giornata nazionale di mobilitazione per la pace con iniziative in tutta Italia con uno slogan chiaro: "Tacciano le armi, negoziato subito".

“Continua l’impegno delle organizzazioni della società civile italiana per chiedere il cessate il fuoco ...

Il caso Corea del Nord alle Nazioni Unite

Per la prima volta il Consiglio di sicurezza dell'Onu si spacca sulle sanzioni a Pyongyang. Il futuro della risoluzione proposta dal Liechtenstein che chiede la convocazione entro dieci giorni di una sessione speciale nel caso uno dei membri permanenti utilizzi il suo diritto di veto

di Gianna Pontecorboli da New York Un voto a tarda sera, al termine di ...

La Mini-Schengen balcanica che divide

Si chiama Open Balkan Initiative il nuovo accordo regionale per l'area: ma all'appello mancano Bosnia Erzegovina, Montenegro e Kosovo

All’inizio, l’avevano soprannominata Mini-Schengen, ma si chiama Open Balkan Initiative. Il nickname è comunque ...