La crociata di Donald Trump

Il presidente americano ha un tratto distintivo: odia il mondo multipolare

di Raffaele Crocco

Ho l’immagine di una spiaggia. Una classica spiaggia degli anni Sessanta. Di quelle con gli ombrelloni, l’odore di crema solare e le ragazze con i primi bikini. Più avanti, sulla linea del mare, con i piedi in acqua, c’è un ragazzo, saldo sulle gambe, che mostra i muscoli per spaventare la concorrenza – gli altri maschi – e affascinare le possibili prede – le femmine.
Se penso a Donald Trump davanti al mondo, lo vedo così, come un vecchio esibizionista anni Sessanta, intento a mostrare i muscoli a tutti. A distanza di un anno e mezzo da un precedente editoriale, la domanda rimane quella: è davvero pericoloso Donald Trump? E’ un pericolo per gli uomini e le donne del Pianeta? La risposta è quella di allora: sì, lo è.

Lo è, perché sceglie deliberatamente la strada dello scontro con tutti coloro che ritiene “pericolosi”. Lo è, perché è certo – e non sbaglia – di avere con sé, a sostenerlo, almeno la metà degli statunitensi. Lo è, perché è privo di scrupoli, dentro e fuori casa. Lo è, perché sa di avere armi e uomini, un esercito poderoso, anche se ultimamente spesso incapace di vincere.
Trump – e con lui gli Stati Uniti di questo momento storico – non ha amici. Ha alleati utili o subalterni, mai partner alla pari. E quelli che non hanno le caratteristiche per essere sottomessi, diventano nemici d’ufficio. La Cina lo è perché è una concorrente sul piano economico e della penetrazione sui mercati internazionali. La Russia, perché è una rivale militare guidata da un uomo – Putin – altrettanto machista e competitivo. L’Europa e in particolare la Germania lo sono, perché economicamente sono forti e autonomi, anche se decadenti. Poi, ci sono quelli che non si piegano: la Corea del Nord, il Venezuela, che minacciano e combattono. Infine, c’è l’Iran.

Iran: una partita complessa

La partita con l’Iran è ancora più complessa. Teheran è un avversario esattamente da quarant’anni, dal 1979. Come possono dimenticare, gli Stati Uniti, la beffa degli ostaggi dei primi anni Ottanta, con la brutta figura fatta dall’allora presidente Carter, incapace di liberarli con la diplomazia e con le armi? E al di là dell’orgoglio, l’Iran è un Paese scomodo. Fa concorrenza all’Arabia Saudita, alleata di ferro per Washington, soffiandole il ruolo di “potenza regionale di riferimento” nel Vicino Oriente. Poi, produce petrolio, lo vende come vuole dopo averlo nazionalizzato, cacciando le compagnie statunitensi. Ha scelto l’euro come moneta di scambio internazionale e riserva del proprio sistema bancario: una offesa che il dollaro paga cara, indebolendosi sulle piazze finanziarie. Infine è lì, sullo stretto di Hormuz, a controllare quei 33 chilometri di mare – un piccolo corridoio, se ci pensate – da cui passa una buona fetta del petrolio del Mondo.
Un tempo, fino al 1979, l’Iran – allora Persia – era cara al cuore degli Stati Uniti. I petrolieri nordamericani facevano soldi e Washington era felice. L’arrivo della Repubblica Islamica ha rimescolato le carte. Esattamente come è accaduto a Cuba con Fidel Castro, in Cile con Allende, in Venezuela con Chavez, solo per citare casi noti.

Una visione da “crociato”

Trump guarda il mondo solo dalla finestra di casa propria. Non ha porte che vuole aprire. Non ha una visione ugualitaria degli altri. Dall’alto della sua presunta superiorità, muove tutto ciò che gli pare utile per affermare la supremazia e salvaguardare gli interessi degli Stati Uniti, andando contro la comunità internazionale, l’Onu, gli altri Paesi. Il livello di scontro è apparentemente infinito, le possibilità che cambi atteggiamento minime. Lui sa di essere lì, perché gli americani che l’hanno votato vogliono da lui esattamente quello che sta facendo. Vogliono gli Stati Uniti forti e padroni del mondo. Li vogliono capaci di imporre modelli economici, culturali e politici. Un mondo multipolare, con tanti protagonisti come quello che si è creato, per Trump e suoi Usa sono il nuovo Satana. Per questo lo combattono come fossero crociati.

Nelle immagini: Johnny Bravo – Stagione 2 Ep.5a Bullo da spiaggia,
Il presidente americano Donald Trump e lo stretto di Hormuz
In copertina: Riccardo I d’Inghilterra combatte contro Saladino, miniature di Luttrell Psalter, Inghilterra, sec XIV

Tags:

Ads

You May Also Like

Trump / Xi: più tregua che pace

Al summit G20 In Giappone Cina e Usa hanno abbassato i toni. Ma la guerra commerciale non è affatto finita. Analisi del dopo Osaka

di Maurizio Sacchi L’attesissimo incontro dello scorso fine settimana fra Donald Trump e il ...

Fuoco all’Amazzonia

Il polmone del mondo è in fiamme. La guerra di Bolsonaro alla foresta, ai suoi abitanti e alla scienza che la tutela, sbarca oggi anche al vertice G7 di Biarritz

di Lucia Frigo La foresta amazzonica brucia, ormai incessantemente da più di due settimane. ...

Fuga dal Venezuela, il caso degli Yukpa

Dal Venezuela si fugge e uno dei ripari è in Colombia. O almeno in ...