L’allarme nucleare del Sipri

Gli arsenali atomici globali dovrebbero crescere man mano che gli Stati continuano a modernizzarsi avverte il nuovo annuario dello Stockholm International Peace Research Institute 

La 53ma edizione dell’annuario del prestigioso Stockholm International Peace Research Institute (Sipri) prevede che gli arsenali nucleari globali cresceranno man mano che gli Stati continueranno a modernizzarsi. Nello Yearbook 2022 disponibile da oggi il Sipri raccoglie i risultati delle ricerche e analisi che  che valutano lo stato attuale degli armamenti, del disarmo e della sicurezza internazionale. La scoperta chiave è che, nonostante una diminuzione marginale del numero di testate nucleari nel 2021, si prevede che gli arsenali nucleari aumenteranno nel prossimo decennio. Segno, dice il rapporto,  che il declino degli arsenali nucleari post-guerra fredda sta finendo. 
I nove stati dotati di armi nucleari – Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia, Cina, India, Pakistan, Israele e Repubblica popolare democratica di Corea (Corea del Nord) – continuano a modernizzare i loro arsenali nucleari e sebbene il numero totale delle armi nucleari sia leggermente diminuito tra gennaio 2021 e gennaio 2022 (vedi tabella sotto), il numero probabilmente aumenterà nel prossimo decennio.Dell’inventario totale di circa 12 705 testate all’inizio del 2022, circa 9440 erano in scorte militari per un potenziale utilizzo. Di queste, circa 3732 testate sono state schierate con missili e aerei, e circa 2000, quasi tutte appartenenti alla Russia o agli Stati Uniti, sono state mantenute in uno stato di massima allerta operativa.

Sebbene le scorte totali di testate russe e statunitensi abbiano continuato a diminuire nel 2021, ciò è stato dovuto allo smantellamento delle testate che erano state ritirate dal servizio militare diversi anni fa. Il numero di testate nelle scorte militari utilizzabili dei due Paesi è rimasto relativamente stabile nel 2021. Le forze nucleari strategiche dispiegate di entrambi i paesi rientravano nei limiti fissati da un trattato bilaterale di riduzione delle armi nucleari (trattato del 2010 sulle misure per l’ulteriore riduzione e limitazione delle Armi offensive, nuovo START). Si noti, tuttavia, che New START non limita gli inventari totali di testate nucleari non strategiche. “Ci sono chiare indicazioni che le riduzioni che hanno caratterizzato gli arsenali nucleari globali dalla fine della Guerra Fredda sono terminate”, ha affermato Hans M. Kristensen, Associate Senior Fellow con il programma di distruzione di massa delle armi del Sipri e direttore del Nuclear Information Project della Federazione degli scienziati americani (Fas). “Tutti gli stati dotati di armi nucleari stanno aumentando o potenziando i loro arsenali e la maggior parte sta affinando la retorica nucleare e il ruolo che le armi nucleari svolgono nelle loro strategie militari”, ha affermato Wilfred Wan, direttore del programma di distruzione di massa delle armi del Sipri. ‘Questa è una tendenza molto preoccupante.’

La Russia e gli Stati Uniti insieme – scrive ancora lo Yearbook –  possiedono oltre il 90 per cento di tutte le armi nucleari. Gli altri sette stati dotati di armi nucleari stanno sviluppando o schierando nuovi sistemi d’arma, o hanno annunciato la loro intenzione di farlo. La Cina è nel mezzo di una sostanziale espansione del suo arsenale di armi nucleari, che secondo le immagini satellitari include la costruzione di oltre 300 nuovi silos missilistici. Si pensa che diverse testate nucleari aggiuntive siano state assegnate alle forze operative nel 2021 in seguito alla consegna di nuovi lanciatori mobili e di un sottomarino.

Tags:

Ads

You May Also Like

Eau-Israele contro il nemico comune: l’Iran

L'accordo tra i due Paesi mette a posto la bilancia regionale contro Teheran. Col beneplacito americano, il ridimensionamento di Russia e Turchia, la "merce di scambio" palestinese. Analisi di una nuova partita a scacchi nel Vicino Oriente

Di Raffaele Crocco E’ una enorme partita a scacchi, questa. Con tanti giocatori attorno ...

I Mali del Burkina Faso

di Andrea Tomasi Sono scesi da un veicolo. Erano in tre ed hanno iniziato ...

Russia-Nato: storia di un rapporto travagliato

Accordi tra i due blocchi, espansionismo ad est e la questione Ucraina nell'intervista a Simone Paoli, docente di Storia delle relazioni transatlantiche all'Università di Pisa

di Giovanni Mennillo La condanna dell’invasione russa dell’Ucraina deve restare un punto fermo e ...