L’attacco all’Ucraina visto dalla stampa russa

Una rassegna dei titoli, delle agenzie e dei commenti apparsi sui mezzi di comunicazione russi e sui social durante le prime fasi dell'agressione russa.  

di Ambra Visentin

«La Russia non intende occupare l’Ucraina, bensì demilitarizzarla e denazificarla». Questo l’obiettivo dichiarato dal Presidente Vladimir Putin nel suo discorso alla nazione ieri (24 febbraio). Ed è questa la tesi propagandata dalla principale agenzia di stampa Ria Novosti, vicina al governo. Lo scopo sarebbe quello di «fermare il genocidio ad opera del regime di Kiev» e di intervenire contro gli «incombenti atti terroristici che minacciano la popolazione filo-russa nelle due regioni separatiste Donetsk e Lugansk».

La Russia di oggi, tuttavia, non assomiglia a quella del 2014. Mentre la stampa di regime auspica il ritorno ad un antico “mondo panrusso” e celebra il momento storico con titoli come «Benvenuto Donbass!» (Moskovskj Komsomolez), sono molte le testate anti-governative, i politici e gli intellettuali ad opporsi apertamente a questa guerra.

Esperti e politici discutono di quale sia l’obiettivo finale. In un’intervista al canale d’informazione Dozhd, il politologo Dmitry Oreshkin dubita che si arrivi ad un’occupazione dell’intero Paese. Dalle pagine dello stesso giornale il deputato della Duma di Stato Anatoly Wasserman dichiara con certezza che l’ultimo obiettivo militare russo sarà la città di Leopoli, a 70 chilometri dal confine con la Polonia.

Dozhd ha preso aperta posizione contro questa guerra con un appello sul proprio sito intitolato «Non tacete! Dite no alla guerra!». Similmente, in una lettera congiunta pubblicata sui social dal titolo «Lo scoppio della guerra tra la Russia e l’Ucraina è la nostra vergona», dodici scrittori, registi e giornalisti, tra cui Boris Akunin e il premio Nobel Dmitry Muratov, hanno protestato contro la decisione del Cremlino.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Le conseguenze interne non si faranno attendere. L’economia rischia il collasso e alcuni Paesi come la Lituania hanno già introdotto il fermo ai visti per i cittadini della Federazione. «Mi sembra che per ora i russi siano perplessi (…) ma tra qualche giorno le persone percepiranno le conseguenze di queste “attività vittoriose”, prima nell’economia, e poi, forse, arriveranno anche le bare, accadrà abbastanza rapidamente, molto più velocemente che ai tempi della Crimea», riassume Oreshkin.

I russi escono da un anno particolarmente duro dal punto di vista della repressione contro i dissidenti. Ciononostante alcuni cittadini tornano in piazza a protestare. La testata online Meduza ha raccolto le testimonianze di alcuni di questi manifestanti. Finora ci sono stati quasi 1700 arresti in 54 città.

Margarita Simonaya, giornalista presso RT, sbeffeggia sul proprio canale twitter le minaccericevute dall’occidente: «Non temo sanzioni, isolamento, divieti (…) abbiamo vissuto senza Iphone, sopravvivremo senza Parigi se serve».

È un ottimismo non molto contagioso. Gli oligarchi russi non sembrano infatti contenti di come si stanno mettendo le cose e temono le forti ripercussioni sui propri patrimoni e affari. Lo scrittore Viktor Shenderovichin in un articolo d’opinione per il canale d’informazione Echo Moskvy, non certo vicino al Cremlino, parla di «una furia silenziosa emanata dai ladri di sistema», riferendosi ai dirigenti di Gazprom e Lukoil. Putin si troverebbe quindi «in una (sua) fase violenta ma la camicia di forza attende tutto il sanatorio che lui stesso dirige».

Foto di copertina: Mosca, Raffaele Crocco

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

La protesta degli angeli di Bangkok

La piazza - non più solo giovanile - sfida le caste tailandesi. E rilancia con nuove manifestazioni e uno sciopero generale a metà ottobre

Lunedi  Bangkok era già tornata  tornata la città di sempre. Traffico, caldo e il ...

Rohingya. Senza un porto sicuro

Due barche con 500 persone a bordo cercano un rifugio. Ma il Bangladesh rifiuta lo sbarco. L'allarme dell'Onu

Il Ministro degli Esteri del Bangladesh  AK Abdul Momen è stato categorico: “La nostra ...

Cacciati dalla guerra

Oltre 70 milioni di persone  sono state sfollate in tutto il mondo l'anno scorso da conflitti, persecuzioni e violenze. La denuncia dell'Unhcr alla vigilia del  World Refugee Day

                            ...