L’economia americana vola, e Trump canta vittoria – 1

Ma il Fondo monetario internazionale e una profetica senatrice denunciano e mettono in guardia: una crisi epocale è alle porte.

Con qualche ritardo sui tempi abituali, l’ufficio di statistica americano ha annunciato che la crescita dell’economia americana nel 2018 è stata del 2,9%. Questo ha fatto sì che Donald Trump annunciasse il successo della sua politica di dazi e tariffe. Durante la campagna elettorale scorsa, il futuro presidente aveva duramente attaccato Barack Obama, che nell’ultimo anno di mandato aveva visto l’economia crescere solo dell’1,8% – mai nella storia un presidente aveva visto una crescita sotto al 2%. E aveva promesso che, grazie alle sue misure protezioniste, vi sarebbe stata una crescita costante del 3% l’anno. Oltre a un aumento della occupazione, grazie al risorgere dell’industria manifatturiera nazionale.

Ma gli analisti di Moody’s affermano già che il 2018 è la miglior performance che Trump potrà mai  avere nel suo mandato attuale, perché nel 2020 si posizionerà sotto il 2%. Ci sono economisti che addirittura prevedono che potrebbe verificarsi una contrazione, quando si perda il pieno effetto degli stimoli fiscali. Lo stesso Fondo monetario internazionale, nel suo rapporto di quest’anno, dopo aver affermato che l’economia americana ha mostrato una staordinaria capacità di recupero, e rilevato che la disoccupazione è ora al suo minimo negli ultimi 50 anni, ma che “i benefici di questa espansione decennale non sono stati ampiamente condivisi”.

Il FMI fa un lungo elenco sulle falle del sistema americano:
– l’impatto dell’aumento dei suicidi e delle overdose di droga sulla caduta dell’aspettativa di vita, ora una deille più basse nel G7;
– un aumento di appena il 2,2% dei redditi adeguati all’inflazione per la famiglia media degli Stati Uniti dalla fine degli anni ’90, anche se i redditi pro capite sono aumentati del 23%.
– una diminuzione rispetto al 1983 della ricchezza tra il 40% più povero della popolazione;
– il fatto che 45 milioni di americani vivono in povertà.
– un’erosione della mobilità sociale, che fa sì che metà dei giovani adulti americani di oggi guadagnino meno dei loro genitori a un’età simile. Quarant’anni fa il dato era del 10%.
– scarsi risultati dell’istruzione, secondo gli standard internazionali, nonostante la destinazione di una fetta maggiore di reddito nazionale a scuole e università.
“Affrontare le crescenti divergenze tra le fortune aggregate dell’economia reale e il tenore di vita per la maggior parte della popolazione degli Stati Uniti è complesso, e richiederà azioni su molti fronti”, ha affermato l’FMI.

Una crescita fragile e iniqua, secondo questi osservatori, che suscita allarme anche fra le fila del Partito democratico a stelle e strisce. Ha sollevato un eco notevole l’ intervento sul futuro dell’economia d’otreoceano della senatrice e contendente presidenziale democratica Elizabeth Warren, che il 22 luglio parlando al Congresso ha avvertito che la prossima crisi finanziaria è in arrivo.

“Le spie lampeggiano. Che si tratti di quest’anno o del prossimo anno, le probabilità di un’altra recessione economica sono alte e in crescita “, ha scritto la  Warren in un post sulla piattaforma di blogging Medium. La democratica del Massachusetts ha affermato che l’aumento del debito delle famiglie e delle imprese ha lasciato l’economia su basi precarie. Citando un grande economista, la Warren ha scritto che la mancata decisione di alzare il tetto del debito a settembre, per finanziare un cambio di rotta, potrebbe essere “più catastrofico” del crollo di Lehman Brothers del 2008. La senatrice Warren, un esperto di diritto fallimentare che fu professore influente alla Harvard Law School prima di candidarsi al Senato, è un sostenitore di lunga data dei consumatori.

Ha anche denunciato la debolezza del settore manifatturiero, dando la colpa del suo recente rallentamento al presidente Trump, che con la sua politica nei confronti con la Cina ha posto gravi ostacoli al commercio internazionale. Nonostante l’impegno di Trump di riportare a casa il lavoro di produzione, il settore è ora in recessione, ha scritto, e i salari per l’industria sono in ritardo rispetto alla media nazionale.

“La fondazione economica del Paese è fragile. Un singolo shock potrebbe far crollare tutto. E il comportamento sconsiderato della Trump Administration sta aumentando le probabilità di un tale shock ”. La frase assume un peso particolare ora, che un articolo del sito Web di controllo dei fatti PolitiFact, ha riscontrato in aprile che l’affermazione della Warren, di avere previsto la crisi finanziaria del 2008 prima che accadesse, è veritiera.
Nonostante la sua cupa prognosi, ha scritto che “la buona notizia è che abbiamo la possibilità di uscire da una crisi – proprio come abbiamo avuto la possibilità di affrontare la crisi del 2008 – se intraprendiamo azioni coraggiose ora per affrontare i problemi di fondo” in l’economia.
Ha detto che il governo dovrebbe ridurre il debito delle famiglie cancellando fino a $ 50.000 di debito per gli studenti per la maggior parte delle famiglie, aumentare il salario minimo a $ 15 l’ora e rafforzare il potere dei sindacati. Ha anche affermato che il Consiglio di controllo della stabilità finanziaria deve incontrarsi “specificamente per discutere di questi rischi, e annunciare un piano per affrontarli”.
Warren ha scritto che il Congresso dovrebbe “mettersi nella prospettiva di violare il tetto del debito per sempre” eliminandolo o alzando il tetto per consentire nuove spese quando autorizzato dal Congresso.

E ha pubblicizzato il suo piano di produzione verde, che include $ 2 trilioni di investimenti nel prossimo decennio in ricerca, produzione ed esportazione legate alla tecnologia verde. Si tratta di 2mila miliardi dollari, 200 all’anno.
“Il Congresso e i regolatori dovrebbero agire immediatamente, per ridurre queste minacce prima che sia troppo tardi”. (1 – segue)

di Maurizio Sacchi

Tags:

Ads

You May Also Like

I segreti (atomici) della Guerra Fredda

Negli anni Ottanta, l'occupazione sovietica dell' Afghanistan fece passare in secondo piano le preoccupazioni per la crescita del nucleare pachistano che preoccupavano molto Washington. Grazie anche alla politica anti Mosca della Cina

di Emanuele Giordana La Guerra Fredda ebbe l’Afghanistan come uno dei suoi nodi strategici ...

Napoli, parte il CineFestival dei diritti umani

«Mari, muri e filo spinato», al via la IX edizione del Festival del Cinema ...

Messico, Obrador è il nuovo presidente

Nel Paese dove infuria la guerra al narcotraffico, vince il candidato della sinistra

Era dato per favorito ed effettivamente ha vinto: Andrés Manuel López Obrador è il ...