L’eredità avvelenata di Trump

Le ultime mosse del Segretario di Stato Mike Pompeo in Medio Oriente e in Asia sono l'ultimo regalo di un'Amministrazione ormai in agonia ma che continua a far salire la tensione nel Mondo

L’avallo all’anima più autoritaria di Israele, la guerra commerciale con la Cina, l’escalation della tensione con l’Iran, il nodo irrisolto della Corea del Nord. Sono solo una parte dell’eredità che Trump lascia in politica estera a Joe Biden e al suo Paese,  ma non gli ultimi sassi gettati nello stagno delle relazioni internazionali americane. Mentre l’Amministrazione scelta da Trump esce di scena e il Presidente si appresta a lasciare la casa Bianca con lo strascico di accuse e ostracismi del dopo assalto al Congresso, i suoi sodali più fedeli continuano infatti la politica dell’ormai ex inquilino della Casa Bianca. In ordine di tempo, sono due le ultime mosse che Mike Pompeo, ancora Segretario del Dipartimento di Stato, ha scelto di fare senza tener conto del fatto che ormai anche lui dovrebbe già aver fatto le valige. In Medio Oriente e in Africa: nello Yemen e a Taiwan.

Gli Stati Uniti infatti intendono designare i ribelli Houthi dello Yemen come gruppo terroristico,  una mossa – scrive Al Jazeera –  che i gruppi umanitari temono possa peggiorare la crisi umanitaria nel Paese. A soli 10 giorni dall’insediamento del presidente eletto Joe Biden, l’azione potrebbe complicare gli sforzi della nuova Amministrazione per riavviare la diplomazia con l’Iran, che ha legami con gli Houthi, e per rivalutare le relazioni degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita, che ha condotto una brutale offensiva nello Yemen ancora in corso. Non è difficile vedere in questa mossa un favore a Riad con cui Trump e’ in ottime relazioni.

Ma il Segretario di stato non s è  fermato in Medio Oriente. Ha infatti deciso anche la revoca delle restrizioni sui contatti tra i funzionari statunitensi e le loro controparti taiwanesi, una mossa accolta con favore da Taipei – scrive il britannico Guardian –  ma etichettata da alcuni osservatori come una trovata pubblicitaria probabilmente progettata per far arrabbiare la Cina. L’annuncio è arrivato questa volta  11 giorni prima della partenza del Presidente Donald Trump dallo studio ovale. Con una dichiarazione Pompeo ha detto che il Dipartimento di Stato americano si era imposto le restrizioni  “nel tentativo di placare il regime comunista a Pechino”, ma che ora le sta revocando tutte. Non è chiaro quanto tempo ci vorrà per scelte che sono comunque tecnicamente complesse, ma le parole di Pompeo sono benzina sul fuoco. L’annuncio del braccio destro di The Donald sulla revoca delle restrizioni  – scrive il cinese Global Times –  è come “appendere  una spada sui legami bilaterali con la Cina che metteranno Taiwan in imminente pericolo”.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

(Red/Est)

In copertina Pompeo e il reggente saudita bin Salman in uno scatto del Dipartimento di Stato

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

In Siria accordo di carta e sangue vero

di Andrea Tomasi L’accordo sulla Siria tra Mosca e Washington è ancora fragile. Parole ...

Il salario minimo nel Mondo

Il dibattito su questa misura  dura da molti decenni, con posizioni opposte. Il caso Germania e una tabella delle retribuzioni Ocse

di Maurizio Sacchi Olaf Scholz, il leader della Spd uscito vincitore delle ultime elezioni ...

La crisi nel Golfo in 10 date

Dalla firma del Trattato nucleare alla crisi di Hormuz

Il sequestro di due petroliere battenti bandiera britannica del 17 luglio da parte della ...