L’isola che non c’è: la lungimiranza e il coraggio sui rifugiati

Presentato il Rapporto 2023 del Centro Astalli, una fotografia aggiornata sulle condizioni dei migranti che si sono rivolti alle loro strutture lo scorso anno

Alla “lungimiranza” e al “coraggio” si appella il presidente del Centro Astalli, padre Camillo Ripamonti, nelle pagine introduttive del Rapporto Annuale 2023 sui rifugiati, giunto alla sua 22° edizione.

Caratteristiche che occorrono per guardare al futuro non solo degli oltre 100 milioni di persone costrette a fuggire dalle loro case nel 2022 ma anche di quei tanti milioni che in esse trovano badanti, muratori, braccianti, camerieri e tanti altri ruoli determinanti in una società, quale quella italiana, invecchiata e in persistente calo demografico.

(continua: leggi tutto su Unimondo)

Nella foto in copertina, sbarco di migranti a Ragusa © Alessio Tricani/Shutterstock.com

Tags:

Ads

You May Also Like

Armenia, accordo dopo la tempesta

Le dimissioni di Serzh Sargsyan favoriscono il liberale Nikol Pashinyan. Da oggi primo ministro

Almeno per il momento le turbolenze che hanno caratterizzato l’Armenia nelle ultime settimane si ...

Ucraina, un copione già visto

Analisi di una partita pericolosa dove Mosca ha già vinto perché Kiev non potrà entrare nella Nato per anni. Questa consapevolezza è l'unica che può frenare l'escalation

di Danilo Elia  Notizia per chi si è perso qualche puntata sull’Ucraina dal 2013: ...

Il passato (e il futuro) dei diritti in Afghanistan

Il rapporto della Missione Onu a Kabul (Unama)  alla vigilia dell'anniversario della caduta del Paese nelle mani dei Talebani

Il 20 luglio scorso, a un mese dall’anniversario della caduta di Kabul (tra due ...