Manifestazioni, vittime e coprifuoco in Irak

Una protesta nazionale contro il governo attraversa da due giorni il Paese

Sono almeno tre i manifestanti uccisi – e con loro un poliziotto –  nella città meridionale di Nassiriya, in Iraq, dopo che le proteste antigovernative a livello nazionale si sono trasformate in violenza che ha visto le forze di sicurezza sparare in aria e lanciare gas lacrimogeni per il secondo giorno consecutivo, riporta Al Jazeera. Ma in totale la violenza ha ucciso in tre giorni (tutto è iniziato a Bagdad martedi) almeno  20 persone e ne ha ferite centinaia. E’ in atto da stamattina  il  coprifuoco nella capitale irachena e le restrizioni – scrive stamane Bbc –  rimarranno in vigore fino a nuovo ordine. Il coprifuoco era già stato dichiarato in altre tre città dopo le proteste per mancanza di lavoro, servizi e corruzione. Le piattaforme  social media e l’accesso a Internet sono stati bloccati in alcune aree.

Le proteste sono a livello nazionale e non sembrano avere alcuna leadership organizzata: sono le più estese da quando il primo ministro Adel Abdul Mahdi è entrato in carica un anno fa. Incolpando “ribelli”  per i disordini, il governo ha però promesso che risponderà  alle preoccupazioni dei manifestanti.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Nell’immagine di copertina un fotogramma dal filmato postato oggi a Bbc sul suo sito Internet

Tags:

Ads

You May Also Like

Cile: foto per la resistenza

Il fotoreporter Fabio Bucciarelli realizza uno scatto che racconta quanto sta accadendo nel Paese: la ricerca del cambiamento e la richiesta di democrazia

Chilean demonstrators resist on the frontline against Police’s water canon behind improvised shields in ...

Non si fa

di Raffaele Crocco Non si fa, lo so, me lo hanno sempre detto. Non ...

Libertà di stampa osservata speciale per un giorno

Una data per celebrare la libertà di stampa, come ogni anno dal 1993 il ...