Puntare sui giovani per raccogliere i frutti nel futuro

In Kashmir – Regione contesa tra India, Pakistan e Cina – date le ripetute violenze, le divisioni interne e i mancati diritti, la parola rivendicazione acquisisce una connotazione importante. Ong e gruppi di iniziativa civile hanno il ruolo fondamentale di essere i catalizzatori dell’impegno sociale. Due importanti associazioni lavorano in questo panorama: da una parte Wiscomp, che dal 1999 ha iniziato ad operare con l’intenzione di migliorare la posizione delle donne nei processi di decision-making, e dall’altra il Centro di Dialogo per la Riconciliazione (Cdr), che dagli anni 2000 ha dato molta importanza ai progetti per la risoluzione dei conflitti all’interno della comunità kashimira. Entrambe oggi si concentrano sullo sviluppo delle capacità mentali dei giovani, portando avanti, in modo separato, seminari dove i ragazzi hanno la possibilità di imparare a canalizzare, attraverso delle tecniche, l’ira e le esperienze negative della quotidianità in una mentalità imprenditoriale e di leadership creativa. L’obiettivo è rafforzare le abilità dei giovani, affinché queste siano in futuro messe al servizio della comunità per la costruzione di un futuro migliore in Kashmir.

Ads

You May Also Like

Filippine, una legge per l’autonomia dei “Mori”

Dopo ventidue anni di negoziati tra il Fronte islamico di liberazione Moro e il governo centrale il parlamento ha approvato un testo che dovrà  essere sottoposto a referendum

di Alice Pistolesi Le Filippine rispondono alla spinta autonomista della regione di Bangsamoro nell’isola ...

Oltre le stragi. Gli afgani scelgono la tregua

La risposta ai sessantasei morti dell'ultima domenica di attentati ai centri di registrazione elettorale è una protesta pacifica ed estesa in sedici province dell'Afghanistan

di Emanuele Giordana Nonostante i continui attentati stragisti ai centri di registrazione per il ...

Afghanistan: le bombe e la protesta

Mentre continuano le manifestazioni spontanee che chiedono il cessate il fuoco i raid aerei "mirati" non smettono di uccidere i civili

Mentre continua in Afghanistan la protesta della società civile contro la guerra, la guerra ...