Puntare sui giovani per raccogliere i frutti nel futuro

In Kashmir – Regione contesa tra India, Pakistan e Cina – date le ripetute violenze, le divisioni interne e i mancati diritti, la parola rivendicazione acquisisce una connotazione importante. Ong e gruppi di iniziativa civile hanno il ruolo fondamentale di essere i catalizzatori dell’impegno sociale. Due importanti associazioni lavorano in questo panorama: da una parte Wiscomp, che dal 1999 ha iniziato ad operare con l’intenzione di migliorare la posizione delle donne nei processi di decision-making, e dall’altra il Centro di Dialogo per la Riconciliazione (Cdr), che dagli anni 2000 ha dato molta importanza ai progetti per la risoluzione dei conflitti all’interno della comunità kashimira. Entrambe oggi si concentrano sullo sviluppo delle capacità mentali dei giovani, portando avanti, in modo separato, seminari dove i ragazzi hanno la possibilità di imparare a canalizzare, attraverso delle tecniche, l’ira e le esperienze negative della quotidianità in una mentalità imprenditoriale e di leadership creativa. L’obiettivo è rafforzare le abilità dei giovani, affinché queste siano in futuro messe al servizio della comunità per la costruzione di un futuro migliore in Kashmir.

Ads

You May Also Like

I pericoli di un’aggressione turca

La dichiarazione del Consiglio Esecutivo del KNK (Kongreya Neteweyî ya Kurdistanê-Kurdistan National Congress) diffusa da Rete Kurdistan Italia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la dichiarazione del  Consiglio Esecutivo del KNK (Kongreya Neteweyî ya Kurdistanê-Kurdistan ...

Strage elettorale

Nel giorno del rientro in Pakistan dell'ex premier Nawaz Sharif - arrestato all'aeroporto - due attentati insanguinano la vigilia del voto del 25 luglio. Lo Stato islamico rivendica quello  in Belucistan con oltre un centinaio di vittime

Sono due le stragi nel medesimo giorno che insanguinano il venerdi di ieri: in uno ...

India/Pakistan. L’Onu offre una mediazione

Esprimendo profonda preoccupazione per l'aumento della tensione tra i due Paesi asiatici  dopo l'ultimo episodio in Kashmir, Antonio Guterres ha chiesto alle parti di esercitare la massima moderazione ed è pronto a mettersi a disposizione

Mentre Delhi respinge al mittente l’olivo offerto dal Pakistan, che ha chiesto di partecipare ...