Rapporto Unhcr sui rifugiati rohingya: il 2020 anno letale

Registrato il più elevato numero di sempre di rifugiati morti nel corso di viaggi attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane

L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, ha reso noto il 20 agosto che il 2020 è stato l’anno che ha fatto registrare il più elevato numero di sempre di rifugiati morti nel corso di viaggi attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane.

L’anno scorso, la pandemia di COVID-19 ha spinto numerosi Stati del sudest asiatico a imporre restrizioni alle frontiere, decisione che ha portato a fa rilevare il più alto numero di sempre di rifugiati naufragati in mare dalla crisi che ha segnato la regione nel 2015.

Il nuovo rapporto dell’UNHCR “Left Adrift at Sea: Dangerous Journeys of Refugees Across the Bay of Bengal and Andaman Sea” (Alla deriva: viaggi pericolosi di rifugiati attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane), mette in risalto, inoltre, come circa i due terzi di coloro che tentano tali pericolose traversate siano donne e bambini.

Continua a leggere su Pressenza

Tags:

Ads

You May Also Like

Onu, verso l’Assemblea generale

''La pandemia del Covid 19 è una crisi diversa da tutte le altre nella nostra vita - dice il segretario  Guterres - 'e per questo anche questa sessione sarà diversa da tutte le altre''

di Gianna Pontecorboli da New York* ”In quest’anno del 75esimo anniversario, ci troviamo di ...

Asia Pacifico: benvenuti (e non) nel Rcep

Nasc e il  Regional Comprehensive Economic Partnership, un accordo di cooperazione economica che rappresenta circa un terzo del Pil e della popolazione mondiale

Pakistan e India: cosa cambia dopo la vittoria talebana

Armi e nuovi scenari nel Kashmir: la posizione dei due Paesi

Alti ufficiali dell’esercito indiano hanno espresso preoccupazione sul fatto che le armi americane sequestrate ...