Rapporto Unhcr sui rifugiati rohingya: il 2020 anno letale

Registrato il più elevato numero di sempre di rifugiati morti nel corso di viaggi attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane

L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, ha reso noto il 20 agosto che il 2020 è stato l’anno che ha fatto registrare il più elevato numero di sempre di rifugiati morti nel corso di viaggi attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane.

L’anno scorso, la pandemia di COVID-19 ha spinto numerosi Stati del sudest asiatico a imporre restrizioni alle frontiere, decisione che ha portato a fa rilevare il più alto numero di sempre di rifugiati naufragati in mare dalla crisi che ha segnato la regione nel 2015.

Il nuovo rapporto dell’UNHCR “Left Adrift at Sea: Dangerous Journeys of Refugees Across the Bay of Bengal and Andaman Sea” (Alla deriva: viaggi pericolosi di rifugiati attraverso il golfo del Bengala e il mare delle Andamane), mette in risalto, inoltre, come circa i due terzi di coloro che tentano tali pericolose traversate siano donne e bambini.

Continua a leggere su Pressenza

Tags:

Ads

You May Also Like

Africa, segui i soldi

di Andrea Tomasi Comunque la si metta, là si arriva: ai soldi. Segui i ...

In fuga dallo Sri Lanka

In un Paese ancora non pacificato un sondaggio rivela che uno srilankese su quattro emigrerebbe se solo ne avesse la possibilità

di Alessandro Graziadei Nel 2009, dopo la fine del decennale conflitto etnico tra l’esercito ...

Turchia, all’obitorio si sequestra un’idea

La polizia ha fatto irruzione e ha prelevato il cadavere di İbrahim Gökçek, il musicista del gruppo Grup Yorum. Alcuni dati sulla repressione nel 2019 ù Grup Yorum

Anche da morto İbrahim Gökçek fa paura. Il corpo senza vita del bassista della ...