Sudan, ancora uno sciopero generale

Le Forze per la libertà e il cambiamento lanciano un nuovo ultimatum ai militari che intanto continuano la repressione

Un nuovo sciopero generale in vista mentre non si ferma la repressione dei militari in Sudan. Lunedì 1 luglio, in occasione del trentesimo anniversario del golpe che portò al potere l’ex presidente Omar al-Bashir, l’opposizione civile aveva invitato i manifestanti ad una nuova grande manifestazione che ha provocato ancora una volta vittime (pare siano sette i morti accertati) e almeno duecento feriti.

In seguito  le Forze per la libertà e il cambiamento (Ffc) hanno diffuso un comunicato con un nuovo ultimatum alla giunta militare nel quale si chiede la consegna immediata del potere a un’autorità transitoria a guida civile composta da un Consiglio sovrano, un Consiglio dei ministri con pieni poteri esecutivi e un’Assemblea legislativa e una commissione d’inchiesta indipendente con supervisione Onu sui civili uccisi in piazza da quando l’11 aprile il Consiglio militare di transizione ha preso il potere.

La coalizione che racchiude le sigle dell’opposizione e della società civile in Sudan ha poi annunciato che il 14 luglio, se il Tmc (consiglio militare di transizione) sarà ancora in carica, ci sarà un nuovo sciopero generale. Intanto l’Unione africana e Autorità intergovernativa per lo sviluppo stanno ancora cercando una mediazione tra le due parti per far ripartire i negoziati interrotti nel sangue attraverso la proposta di alternare ogni 18 mesi la leadership della presidenza. Pare però che il Consiglio militare abbia già respinto le proposte dell’opposizione e dell’Unione Africana.

di Red/Al.Pi.

*L’immagine è tratta dalla pagina Facebook del Sudanese Congress

Tags:

Ads

You May Also Like

Il sultano alla conquista dell’Africa (1)

Come la strategia di Erdogan si muove dietro il nuovo conflitto che sta interessando la Libia. Con ambizioni più vaste e con l’ennesimo Paese dell’area trasformato in campo di battaglia dalle potenze regionali e non riunite in due coalizioni. Prima puntata

di Alessandro De Pascale* Da un lato Turchia e Qatar, in campo a sostegno ...

Dalla parte dei diritti e della libertà

"Non è accettabile che una azienda privata, come è Facebook, decida di annullare pagine e profili che appoggiano una lotta di resistenza legittima, giusta, internazionalmente considerata sacrosanta". L'editoriale del direttore dell'Atlante

di Raffaele Crocco Voglio partire da due cose piccole e note. Sono qua sotto. ...

Elezioni Usa 2020, come uccido la democrazia

Chi sarà eletto non sarà più – come abbiamo pensato fino all’inizio di questo millennio – il capo del Mondo. Il nuovo inquilino della Casa Bianca sarà “solo” il presidente di una delle Nazioni più potenti del pianeta.

Di Raffaele Crocco  Ci vuole ancora tempo, ma una risposta l’abbiamo: la democrazia sta ...