Tregua di due mesi in Yemen

Il cessate il fuoco arriva a seguito di una proposta delle Nazioni Unite ed è il primo dal 2016

È entrata in vigore ieri una tregua in Yemen. Per due mesi le parti coinvolte nella guerra dovrebbero far tacere le armi. Il cessate il fuoco arriva a seguito di una proposta delle Nazioni Unite ed è il primo dal 2016. La sospensione delle ostilità arriva proprio quando la violenza aveva raggiunto uno dei picchi più alti in sette anni di conflitto. Durante i primi due mesi del 2022, infatti, ci sono stati più morti che durante tutto il 2020 e il 2021.

“Le parti – ha dichiarato in una nota l’inviato speciale delle Nazioni Unite Hans Grundberg – hanno accettato di fermare tutte le operazioni militari offensive aeree, terrestri e marittime all’interno dello Yemen e oltre i suoi confini; hanno anche concordato che le navi del carburante entrassero nei porti di Hodeidah e i voli commerciali operassero dentro e fuori l’aeroporto di Sanaa verso destinazioni predeterminate nella regione”.

Gli inviati delle Nazioni Unite e degli Stati Uniti stavano cercando dall’anno scorso di progettare un cessate il fuoco permanente necessario per rilanciare i negoziati politici in stallo dalla fine del 2018. Le parti in guerra stanno anche discutendo di uno scambio di prigionieri. L’ultimo grande scambio di prigionieri, che ha coinvolto circa 1.000 detenuti, è avvenuto nel 2020.

Tags:

Ads

You May Also Like

Un Mondo senza mine

Domani si celebra in tutto il pianeta la Giornata Internazionale voluta dalle Nazioni Unite per eliminare per sempre il problema delle mine e degli ordigni inesplosi,

Domani si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale voluta dalle Nazioni Unite ...

La guerra ucraina si avvicina a 500 giorni. Il punto

Qualunque cosa accada a Kiev o a Mosca - mediazioni o golpe che siano - il conflitto uccide sempre e comunque. Muoiono ancora i civili, uccisi da bombe che non fanno differenze

di Raffaele Crocco Politica, diplomazia, golpe e insurrezioni: la realtà è che in Ucraina ...

Afghanistan: l’Aja non può indagare

I magistrati che devono  giudicare l’ammissibilità delle richieste di indagine del procuratore generale della Corte penale internazionale hanno respinto oggi all'unanimità la sua richiesta di procedere con un'indagine su presunti crimini  di guerra e contro l'umanità sul territorio afgano. Il peso del veto americano

La Camera preliminare della Corte penale internazionale (Cpi) – la corte che deve giudicare ...