Un pianeta di sfollati

L'allarme dell'Unhcr  nella Giornata Mondiale del Rifugiato

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, fa appello ai Paesi di tutto il Mondo affinché facciano molto di più per trovare case a milioni di rifugiati e  sfollati a causa di conflitti, persecuzioni, ccatastrofi amnbientali. L’appello, nella Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno, arriva con un  rapporto sulle tendenze globali,  pubblicato parallelamente al rapporto globale annuale. Il rapporto  dimostra che lo sfollamento forzato di milioni di persone sta ora colpendo più dell’uno per cento dell’umanità – 1 su 97 persone – con un numero sempre minore di persone  che possono pensare di tornare a casa. Secondo l’agenzia Onu  alla fine del 2019 gli sfollati erano 79,5 milioni, un bilancio senza precedenti.

Almeno 100 milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case negli ultimi dieci anni, in cerca di rifugio all’interno o all’esterno dei loro Paesi e lo spostamento forzato è quasi raddoppiato dal 2010 (da 41 a 79,5 milioni ). L’80 per cento degli sfollati nel mondo inoltre, si trova in Paesi o territori colpiti da acuta insicurezza alimentare e malnutrizione con problemi connessi al clima e a catastrofi naturali.  Più di tre quarti dei rifugiati nel mondo (77%) sono coinvolti in situazioni di sfollamento a lungo termine, come accade in Afghanistan.

Cinque Paesi – dice ancora Unhcr –  rappresentano i due terzi degli sfollati oltre confine: Siria, Venezuela, Afghanistan, Sudan del Sud e Myanmar. Situazioni gravi e permanenti si registrano anche altrove come nel caso dei  5,6 milioni di rifugiati palestinesi.  L’impegno per lo sviluppo sostenibile del 2030 di “non lasciare nessuno indietro” ora include esplicitamente i rifugiati, grazie a un nuovo indicatore sui rifugiati approvato dalla Commissione statistica delle Nazioni Unite nel marzo di quest’anno.

In copertina: rifugiate maliane in un campo in Burkina Faso. Foto di Sylvain Cherkaoui (Unhcr)

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Fu un genocidio

Dopo la Camera anche il Senato americano riconosce il dramma del popolo armeno. Uno schiaffo ad Ankara

di Teresa Di Mauro  Si tratta di un risultato storico per gli armeni di ...

Chi guiderà la Cina, via al congresso

Ha preso il via oggi il 19esimo congresso del Partito Comunista Cinese. L’appuntamento è ...

India-Pakistan: all’erta stiam

Le recenti ondate di tensione lungo il fronte del Kashmir hanno riacceso i riflettori su un conflitto annoso a bassa intensità. Preoccupa poiché si svolge all'ombra di un equilibrio strategico fondato sull'arma nucleare

di Elia Gerola India e Pakistan sono due Stati in conflitto ormai dall’epoca della ...