Un pianeta di sfollati

L'allarme dell'Unhcr  nella Giornata Mondiale del Rifugiato

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, fa appello ai Paesi di tutto il Mondo affinché facciano molto di più per trovare case a milioni di rifugiati e  sfollati a causa di conflitti, persecuzioni, ccatastrofi amnbientali. L’appello, nella Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno, arriva con un  rapporto sulle tendenze globali,  pubblicato parallelamente al rapporto globale annuale. Il rapporto  dimostra che lo sfollamento forzato di milioni di persone sta ora colpendo più dell’uno per cento dell’umanità – 1 su 97 persone – con un numero sempre minore di persone  che possono pensare di tornare a casa. Secondo l’agenzia Onu  alla fine del 2019 gli sfollati erano 79,5 milioni, un bilancio senza precedenti.

Almeno 100 milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case negli ultimi dieci anni, in cerca di rifugio all’interno o all’esterno dei loro Paesi e lo spostamento forzato è quasi raddoppiato dal 2010 (da 41 a 79,5 milioni ). L’80 per cento degli sfollati nel mondo inoltre, si trova in Paesi o territori colpiti da acuta insicurezza alimentare e malnutrizione con problemi connessi al clima e a catastrofi naturali.  Più di tre quarti dei rifugiati nel mondo (77%) sono coinvolti in situazioni di sfollamento a lungo termine, come accade in Afghanistan.

Cinque Paesi – dice ancora Unhcr –  rappresentano i due terzi degli sfollati oltre confine: Siria, Venezuela, Afghanistan, Sudan del Sud e Myanmar. Situazioni gravi e permanenti si registrano anche altrove come nel caso dei  5,6 milioni di rifugiati palestinesi.  L’impegno per lo sviluppo sostenibile del 2030 di “non lasciare nessuno indietro” ora include esplicitamente i rifugiati, grazie a un nuovo indicatore sui rifugiati approvato dalla Commissione statistica delle Nazioni Unite nel marzo di quest’anno.

In copertina: rifugiate maliane in un campo in Burkina Faso. Foto di Sylvain Cherkaoui (Unhcr)

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

La sfida di Cuba

Cambio della guardia, fine della doppia moneta, orgoglio vaccinale. Dove va l'isola orfana dei Castro. Analisi di un futuro difficile

Turchia, all’obitorio si sequestra un’idea

La polizia ha fatto irruzione e ha prelevato il cadavere di İbrahim Gökçek, il musicista del gruppo Grup Yorum. Alcuni dati sulla repressione nel 2019 ù Grup Yorum

Anche da morto İbrahim Gökçek fa paura. Il corpo senza vita del bassista della ...

Usa vs Cina: bufera nel Pacifico

Gli Stati Uniti mettono in guardia Pechino: "Giù le mani dal Mar Cinese meridionale". Parole forti mentre lo specchio di acque orientali brulica di navi e aerei da guerra in stato di allerta. Sale la tensione e il rischio di uno scontro

Dal nostro inviato nel Sudest asiatico “Gli Stati Uniti sostengono una regione indo-pacifica libera ...