Verità e giustizia per Camilo Catrillanca

Da giorni a Santiago del Cile si susseguono manifestazioni e dimostrazioni per chiedere conto della morte del  giovane mapucheche. Che vengono puntualmente disperse dalle forze dell'ordine con gas lacrimogeni, orticanti e idranti
L’illustrazione di Marisol Abarca del volto di Camilo divenuta virale

di Alice Pistolesi da Santiago del Cile

Dall’omicidio di Camilo Catrillanca, a Santiago del Cile non si fermano dimostrazioni e manifestazioni in sostegno della popolazione originaria Nella capitale  sono in molti ad essere determinati a chiedere giustizia e verità per Camillo Catrillanca, il giovane mapuche ucciso dai carabineros cileni il 14 novembre scorso nella comunità di Ercilla nella regione dell’Araucanía, mentre lavorava in campagna su un trattore insieme ad un ragazzo di 15 anni.  A molti la morte di Camillo è sembrata una esecuzione in piena regola, precezione che sta provocando reazioni in tutta la comunità.

Il giovane è stato ucciso da un colpo alla nuca. Pare che il proiettile sia della tipologia denominata “cassa di piombo”, che corrisponde all’armamento usato dai carabinieri. In questi giorni inoltre è poi emerso un documento segreto della polizia nel quale sono individuati alcuni obiettivi mapuche della zona di Araucanía. Pare che tra questi nomi ci fosse anche quello del 24enne.

Il 25 novembre quattro carabineros coinvolti nell omicidio sono stati fermati. Appartenevano al Gruppo Operazioni Speciali (GOPE) dell’arma. La Procura della Repubblica e il governo, nella loro qualità di querelanti, chiederanno la misura precauzionale della detenzione preventiva degli ex funzionari del GOPE coinvolti. Ma la mobilitazione dei mapuche e dei cileni che sostengono le loro rivendicazioni non si ferma. Da giorni, infatti, nella capitale del Paese si susseguono manifestazioni e dimostrazioni che vengono puntualmente disperse dalle forze dell’ordine con gas lacrimogeni, orticanti e idranti. Stesso registro il 29 novembre, quando la concentrazione in zona Baquedano è stata dispersa dai carabinieri in assetto anti sommossa che schierava un gran numero di mezzi corrazzati. Tra i manifestanti molti mapuche, ma anche molti giovani cileni. Santiago è solidale al popolo originario. Ovunque sventolano le bandiere dei mapuche. “Sappiamo – ci dice una manifestante che per l’occasione vende bandiere – che quando facciamo queste manifestazioni ad un certo punto dobbiamo correre. Sempre ci reprimono. Nonostante questo continuiamo perché far sentire la nostra voce è importante”.                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Fotoreportage di A. Pistolesi

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa-Cina: una nuova Guerra fredda?

Le due superpotenze sono ai ferri corti e, anche al loro interno, devono fare i conti con posizioni più o meni intransigenti. Un'analisi aspettando il nuovo tavolo di trattative

di Maurizio Sacchi Il 24 maggio, dopo l’allarme seminato dal blocco Usa su Huawei ...

Sangue nel telefono cellulare

di Andrea Tomasi Nel Congo si trova la maggior parte delle risorse naturali del ...

Liberate quei giornalisti

Sette anni di prigione ai reporter birmani Wa Lone e Kyaw Soe Oo della Reuters.  La loro colpa? Aver cercato la verità nel  caos di un conflitto. Un coro internazionale ne chiede la scarcerazione

E’ una sentenza choc quella pronunciata ieri in Myanmar contro Wa Lone e Kyaw ...