Virus, il piano Onu. “Agire adesso”

Appello per una strategia coordinata di risposta umanitaria. Due miliardi di dollari per combattere il Covid-19 nei Paesi più vulnerabili del mondo spesso vittime di conflitti e crisi climatiche. E la richiesta di un cessate il fuoco globale

“La storia ci giudicherà dal modo in cui abbiamo risposto alle comunità più povere nelle ore più buie. Agiamo insieme, adesso!”. Sta forse in questa frase il senso profondo di un un piano globale coordinato di risposta umanitaria da 2 miliardi di dollari, per combattere il Covid-19 in alcuni dei Paesi più vulnerabili del mondo, nel tentativo di proteggere alcuni milioni di persone  più a rischio. Il virus sta infatti raggiungendo sempre più aree del mondo alle prese con conflitti, catastrofi naturali e cambiamenti climatici. L’appello è stato fatto dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres con il sottosegretario generale per gli affari umanitari Mark Lowcock, il responsabile dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus e il direttore esecutivo dell’UNICEF Henrietta Fore.

Il capo delle Nazioni Unite – che ha già fatto appello per un cessate il fuoco globale (#GlobalCeasefireNow) – ha sottolineato che un approccio globale è l’unico modo per combattere il coronavirus che “ sta minacciando l’intera umanità”: quindi “l’intera umanità deve combattere”. “Le risposte dei singoli Paesi – ha aggiunto – non possono essere sufficienti”. Il piano intende aiutare gli “ultra-vulnerabili”, – milioni e milioni di persone che sono meno in grado di proteggersi. Ma non è solo “una questione di solidarietà umana di base”, ma è un passo cruciale per combattere il virus, ha concluso Guterres.

“Questo è il momento di intensificare per i vulnerabili”, ha affermato. Organizzato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), il piano riunisce gli appelli esistenti dell’Oms e di altri partner delle Nazioni Unite. Oltre a identificare nuove esigenze e finanziato correttamente, salverà molte vite e aiterà le agenzie umanitarie con forniture di laboratorio per test e attrezzature mediche per curare i malati proteggendo gli operatori sanitari.

#Noirestiamoacasa

Tags:

Ads

You May Also Like

Iran atomico, un film da rifare

Gli Stati Uniti si sfilano dall'accordo sul nucleare. Tra le istituzioni e la popolazione iraniana c'è preoccupazione e senso di insicurezza. Ai microfoni di Caravan la giornalista Marina Forti dice: «Gli Usa di Trump deludono e sono pericolosi». Colpo mortale all'economia e alla stabilità del Paese

di Andrea Tomasi Gli iraniani non ci stanno a fare la parte dei cattivi. ...

Appelli dal mondo per il Kurdistan Turco

Le associazioni e i coordinamenti per il Kurdistan sono in mobilitazione. Nella giornata di ...

Armi chimiche: abolite ma non per tutti

Mentre la totalità dei siti di produzione è riconvertita o smantellata solo Israele non ha ancora ratificato il trattato. E restano dubbi su molti altri Paesi

Il 29 aprile è la giornata mondiale in ricordo delle vittime delle armi chimiche. Lo ...