Xi Jinping verso il terzo mandato

La domanda che si fanno tutti è a che cosa darà vita il nuovo quinquennio del Presidente cinese

di Lorenzo Lamperti*

ll ventesimo congresso del Partito comunista cinese sancirà con ogni probabilità l’avvio del terzo mandato presidenziale di Xi Jinping. Il politburo dovrebbe essere sempre più a immagine e somiglianza del presidente, mentre la Cina accelera la sua transizione.  Il numero tre è considerato fortunato in Cina. Al contrario del quattro. La pronuncia di sān ricorda quella di shēng, quella di sì ricorda invece quella di sǐ. Da una parte la vita, dall’altra la morte. Tre è anche il numero che sarà presto associato al mandato presidenziale di Xi Jinping, che al ventesimo congresso del Partito comunista cinese in programma nell’autunno del 2022 diventerà con ogni probabilità il leader cinese più longevo degli ultimi decenni.

La domanda che si fanno tutti, in tempi di prosperità comune e doppia circolazione, è a che cosa darà vita il nuovo quinquennio di Xi. O se piuttosto segnerà la morte di frammenti della Cina che pensavamo di aver imparato a conoscere e che invece, ancora una volta, svela i suoi mutevoli e flessibili contorni con il passare del tempo. Perpetuamente inconoscibile e inafferrabile, come quel gomitolo di seta di cui parla Simone Pieranni nel suo libro “La Cina nuova”.

La marcia di avvicinamento al ventesimo congresso si fa sempre meno lunga e il passo di Xi è sempre più spedito. Quel timone che ha iniziato a toccare nel 2012 dopo essersi sbarazzato degli tutti coloro che cercavano come lui di avvicinarvisi, quel timone che ha manovrato con sempre più sicurezza dal diciannovesimo congresso che ha gli ha concesso la rimozione del vincolo dei due mandati e gli ha consegnato un politburo sempre più amico. Ecco, quel timone ormai Xi è pronto ad afferrarlo in maniera definitiva.

Il seguito di questo articolo sul mini ebook IN CINA E ASIA 2022

 * Giornalista di  ChinaFiles

In copertina: Xinhuamen, la “Porta della Nuova Cina”, costruita da Yuan Shikai, oggi ingresso al complesso di Zhongnanhai, quartier generale del Partito comunista cinese

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Il conflitto per gli ucraini non è mai finito

Dal 2014 la popolazione civile in Ucraina soffre le conseguenze di una guerra che promette solo di diventare più cruenta

24 ore per Julian Assange

Una maratona di 24 ore per la sua libertà il prossimo 15 ottobre. Un appello 

A partire da un’idea lanciata da  Pressenza, è stato costituito un comitato, insieme a ...

D’uranio si muore

Dopo anni di rinvii dovrebbe arrivare al Parlamento Italiano la proposta di legge che tutela i malati della “sindrome dei Balcani”, in ricordo anche dell'archeologo Fabio Maniscalco

La guerra uccide, anche a distanza di tempo, anche quando sembra di averla scampata. ...