La colonna infame

Fotonotizia. La fuga dall'Honduras verso la speranza nel Nord. In settimana l'approfondimento dell'Atlante sui motivi di un esodo di massa senza precedenti. Criminalizzato
La marcia in Messico nella pagina web del quotidiano messicano La Jornada

Partiti a piedi e in autobus dal nord-ovest dell’Honduras il 13 ottobre sono ormai diverse migliaia gli onduregni in  fuga dal loro Paese: molti di loro hanno  hanno già attraversato il confine settentrionale del Guatemala verso il Messico e altri fra loro hanno già varcato la frontiera messicana (5mila secondo fonti locali) mentre il  presidente degli Stati Uniti Donald Trump continua a chiedere ai governi della regione di fermare l’esodo e riportare la gente in Honduras, minacciando di tagliare gli aiuti ai governi di Honduras, Guatemala e El Salvador. L’esecutivo  di Tegucigalpa ha già promesso un “ritorno sicuro” per chi vuole tornare indietro e alcuni dei migranti, stremati, hanno già fatto questa scelta ma gli altri proseguono. Nei prossimi giorni l’approfondimento dell’Atlante su questo nuovo fenomeno di massa in Centroamerica su cosa sta dietro questo esodo di massa senza precedenti.

Nell’immagine di copertina, il fotogramma di un video tratto da Aljazeera

Leggi intanto l’articolo di Virgiania Negro su Pressenza

Tags:

Ads

You May Also Like

Scontro tra titani (2)

Con la richiesta di estradizione di Meng Wanzhou, alta funzionaria Huawei, inviata dagli Usa al Canada, la guerra fra Usa e Cina si gioca ora su più fronti: legale, diplomatico, economico e strategico

di Maurizio Sacchi Gli Stati Uniti hanno richiesto al Canada l’estradizione di Meng Wanzhou, ...

Buio elettorale in Nigeria

Rimandata di una settimana l'apertura delle urne per scegliere il presidente: "problemi logistici". Ma c'è chi teme che violenze e scuse possano avallare futuri brogli sul voto

Dopo le violenze alla vigilia del voto per le presidenziali, con  almeno 66 vittime, tra ...

Gli Usa escono dall’accordo nucleare con l’Iran

Tensione con Russia e Unione europea. Riad e Tel Aviv appoggiano la scelta statunitense

La decisione era attesa ed è arrivata ieri in diretta tv dalla Diplomatic Room ...