Che succede in America?

Guerre commerciali. Un premio Nobel accusa Trump di portare il mondo a una catastrofe. Ma il fronte dei falchi si compatta

 

di Maurizio Sacchi

“Alti funzionari a Washington si dicono sempre più preoccupati per il trattamento da parte Pechino degli attivisti a Hong Kong, e hanno paura di un ampliamento del conflitto, che potrebbe colpire anche Taiwan. Questo perché ogni possibilità di un armistizio nella guerra commerciale sembra ridursi”. Lo dichiara Axios, un importante blog economico di Washington, che aggiunge che, sulla base di numerose dichiarazioni dei funzionari dell’amministrazione Trump nelle ultime settimane, è chiaro che molti dei migliori consiglieri del presidente considerano la Cina innanzitutto come una minaccia alla sicurezza nazionale più che come un partner economico.Trump stesso vede ancora la Cina principalmente attraverso un prisma economico. Ma più si fa duro con Pechino, più è ricettivo verso le posizioni da falco dei suoi consiglieri nei confronti della Cina, che vanno ben oltre il piano commerciale.

 In questo clima si terranno i colloqui commerciali, previsti  a Washington all’inizio del mese prossimo, ma Il presidente Trump ha dichiarato che aumenterà le tariffe al 30 percento dall’attuale 25 percento su 250 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Tali tariffe coprono tutto, dalle automobili alle componenti di aeromobili. Le nuove tariffe scatteranno il 1 ottobre, e il 15 di dicembre,  rendendo difficile trovare un modo per porre fine allo scontro economico.

Una piccola luce può accendersi a livello tecnico: Liu He, alto funzionario economico cinese, e principale negoziatore commerciale di Pechino, viaggerà a Washington all’inizio di ottobre. Liu ha parlato giovedì mattina con Robert E. Lighthizer, rappresentante commerciale degli Stati Uniti, e Steven Mnuchin, segretario del Tesoro degli Stati Uniti. L’ufficio di Lighthizer ha dichiarato che le riunioni a livello di vicepresidenti si terranno prima dei colloqui.

Ad agosto più della metà degli intervistati nel sondaggio mensile della Bank of America sui gestori di fondi globali, ha citato un peggioramento della guerra commerciale come il principale “rischio di coda” – una minaccia remota, ma potenzialmente profondamente destabilizzante – che vivono i mercati azionari.

Intanto, l’attività manifatturiera americana si è contratta per la prima volta in tre anni a causa del rallentamento degli ordini di esportazione. E la produzione industriale cinese, nel frattempo, si è contratta per tre mesi quest’estate, prima di registrare una leggera ripresa questa settimana. Il suo settore manifatturiero ha registrato licenziamenti e chiusure di fabbriche, mentre la sua economia cresce al suo ritmo più lento in tre decenni.”Quando parlo con i CEO delle principali società cinesi e globali, tutti sono preoccupati per ciò che le ultime escalation significano per le loro attività a breve termine, e più preoccupante, per la loro strategia a lungo termine e piani di investimento”, ha affermato Fred Hu,  già a capo del settore  commerciale di Goldman Sachs in Cina. Trump ha scommesso sul fatto che l’economia in sofferenza della Cina metterà sotto pressione i leader di Pechino. Parlando con i giornalisti mercoledì, Trump ha citato il rallentamento del Paese, che ha definito, in modo impreciso, “l’anno peggiore che abbiano avuto in 57 anni”.

“Se si vuol capire lo sviluppo della guerra commerciale con la Cina, la prima cosa che devi capire è che niente di ciò che Donald Trump sta facendo ha senso”. Lo afferma Paul Krugman, premio Nobel per l’economia nel 2008. Che prosegue: “Le sue opinioni sul commercio sono incoerenti. Le sue richieste sono incomprensibili. E sopravvaluta enormemente la sua capacità di infliggere danni alla Cina, mentre sottovaluta il danno che la Cina può arrecare all’America .

La seconda cosa da  capire è che la risposta della Cina finora è stata abbastanza modesta e misurata, almeno considerando la situazione. Gli Stati Uniti hanno applicato o annunciato tariffe praticamente su tutto ciò che la Cina vende qui, con tariffe medie che non si vedono da generazioni. I cinesi, al contrario, devono ancora mettere in atto l’intera gamma di strumenti a loro disposizione per compensare le azioni di Trump, e danneggiare la sua base politica”.

“Perché i cinesi non hanno fatto tutto quel che potevano? Mi sembra che stiano ancora cercando di insegnare a Trump un po ‘di economia. Quello che hanno detto attraverso le loro azioni, in effetti, è: “Pensi di poterci schiacciare. Ma non puoi. Noi invece  possiamo rmandare in rovina i vostri agricoltori e mandare all’aria il vostro mercato azionario. Vuoi ripensarci? Tuttavia, non vi è alcuna indicazione che questo messaggio sta arrivando. Invece, ogni volta che i cinesi si fermano e danno a Trump la possibilità di ripensare, lo prende come un segnale di debolezza, e spinge ancora più forte. Ciò a sua volta suggerisce che, prima o poi, i colpi di avvertimento si trasformeranno in una guerra commerciale e valutaria totale”.

Ma si sta compattando un fronte interno americano pro-Trump. Ecco cosa scrive il conservatore New York Post: Non molto tempo fa Krugman ha vinto il premio Nobel per l’economia, il che è sorprendente, data questa bizzarra previsione elettorale post-Trump: “Quindi molto probabilmente siamo di fronte a una recessione globale senza fine”. Quale scuola di pensiero economico seguiva? Krugman non lo dice , ma continua a predirre un grave collasso economico che non sembra mai arrivare”.

Tutto ciò, mentre incombono le elezioni presidenziali del 2020. Nelle quali giocherà un ruolo anche il censimento generale degli Stati uniti, che Trump sta cercando di modificare per rafforzare la sua base elettorale. Il 1 aprile 2020 si terrà il censimento generale della popolazione degli Stati uniti, come a ogni scadere di decennio. L’amministrazione Trump sta tentando di introdurre per la prima volta dal 1950 una domanda sulla cittadinanza, che determina l’assegnazione dei seggi alla Camera dei Rappresentanti per i prossimi 10 anni,  e la distribuzione di miliardi di dollari in fondi federali. L’esclusione dal censimento degli immigrati comporterebbe una perdita di seggi per gli Stati che ne ospitano il maggior numero: che sono a maggioranza democratica. Mentre aumenterebbe il peso elettorale degli Stati del centro degli Usa, la base di consenso di Donald Trump.  

Come riferisce Al Jazeera, a maggio sono emerse prove che che il piano dell’amministrazione  era inteso a discriminare le minoranze razziali. Questa settimana, un giudice del Maryland ha ordinato il proseguimento del procedimento su tali accuse, che l’amministrazione Trump ha definito “teoria della cospirazione“.La Costituzione degli Stati Uniti assegna specificamente al Congresso il compito di supervisionare il censimento, limitando l’autorità del presidente, il che potrebbe complicare qualsiasi tentativo di aggiungere la questione per decreto presidenziale.

Tags:

Ads

You May Also Like

Rientro forzato all’inferno

La meta è l’Europa, la fine del viaggio è ancora casa, o quello che ...

Ebola e violenza: il dramma del Nord Kivu

Nella Regione della Repubblica Democratica del Congo non si fermano gli scontri tra esercito e decine di gruppi armati. A questo si aggiungono gli esodi e la diffusione del virus

Il governo è cambiato ma la violenza della regione del Nord Kivu, nella Repubblica ...

La minaccia del New IRA

Cinque arresti a Derry, Irlanda del Nord, per l’attentato con autobomba di sabato scorso. L’ombra dell’ Hard Brexit

di Lucia Frigo Salgono a cinque gli arresti a Derry, Irlanda del Nord, per l’attentato ...