Ciad, fuoco sull’opposizione

Sale il bilancio della protesta repressa nel sangue nelle due principali città del Paese

Le forze di sicurezza ciadiane hanno aperto il fuoco giovedi sui manifestanti anti-governativi nelle due città più grandi del Paese, uccidendo decine di persone che protestavano contro il prolungamento del mandato presidenziale a interim nonostante le promesse di nuove elezioni. Il portavoce del Governo ciadiano Aziz Mahamat Saleh ha detto che 30 persone sono morte nella capitale, N’Djamena. Altre vittime invece nella seconda città del Paese, Moundou. Gli organizzatori della marcia, tuttavia, hanno alzato il bilancio, a  40. Altre fonti hanno accreditato le vittime ad almeno 50 e altre ancora, ieri, hanno scritto di un bilancio di almeno 60

Le autorità hanno imposto il coprifuoco dopo le violenze, scoppiate durante le manifestazioni organizzate per protestare contro la proroga di due anni del potere da parte del leader ad interim Mahamat Idriss Deby. La Francia, l’Unione Africana e altri attori internazionali hanno prontamente condannato la repressione della sicurezza sui manifestanti. La strage è avvenuta mentre Il Presidente a interim  Deby aveva dichiarato lo stato di emergenza per le inondazioni che stanno colpendo più di un milione di persone nel Paese.

Le manifestazioni erano state convocate nella data in cui i militari avevano inizialmente promesso di cedere il potere, un periodo che è stato prorogato per altri 24 mesi. La scena politica si è particolarmente inasprita dopo che il Presidente Idriss Deby è stato ucciso sul campo di battaglia nell’aprile 2021 mentre visitava le truppe in prima linea che combattano contro i ribelli contrari al governo centrale. Mahamat Idriss Deby, suo figlio di 38 anni, è stato poi insediato dai militari come sostituto a interim del capo dello Stato. Inizialmente aveva promesso che non si sarebbe candidato alla presidenza e che  libere elezioni sarebbero seguite a una transizione di 18 mesi. Ma con l’avvicinarsi della scadenza, un Forum nazionale organizzato da Deby ha cambiato piani e scadenze per la restituzione del potere alla scelta elettorale.

In copertina un fotogramma del video pubblicato dal Sole34Ore. Nel testo: Mahamat Idriss Deby durante un viaggio in Ruanda

(Red/Est)

 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Aria di guerra tra Sahara Occidentale e Marocco

L'esercito reale è penetrato nella zona cuscinetto di Guerguerat per interrompere il blocco al traffico imposto dai manifestanti saharawi. Le reazioni delle due parti alla violazione del cessate il fuoco

Ucraina. Un anno dall’invasione

Alcune riflessioni a 365 giorni dall'aggressione russa all’Ucraina con l'editoriale di Raffaele Crocco e una panoramica sugli scenari attuali e futuri nell'intervista al generale Fabio Mini

di Raffaele Crocco Un anno dopo, siamo ancora in guerra. Ricordare questi 365 giorni ...

2022 Addio. Senza rimpianti

"Rivangare su ciò che poteva essere è stupido e inutile: ormai ciò che doveva accadere è accaduto. Meglio quindi preoccuparci di cosa potrà essere il 2023. E credo ci sia davvero da preoccuparsi". L'editoriale di fine anno del direttore del Progetto Atlante

di Raffaele Crocco Nessuna voglia di essere Nostradamus, sia chiaro. E’ che cercare di ...