Ciad, fuoco sull’opposizione

Sale il bilancio della protesta repressa nel sangue nelle due principali città del Paese

Le forze di sicurezza ciadiane hanno aperto il fuoco giovedi sui manifestanti anti-governativi nelle due città più grandi del Paese, uccidendo decine di persone che protestavano contro il prolungamento del mandato presidenziale a interim nonostante le promesse di nuove elezioni. Il portavoce del Governo ciadiano Aziz Mahamat Saleh ha detto che 30 persone sono morte nella capitale, N’Djamena. Altre vittime invece nella seconda città del Paese, Moundou. Gli organizzatori della marcia, tuttavia, hanno alzato il bilancio, a  40. Altre fonti hanno accreditato le vittime ad almeno 50 e altre ancora, ieri, hanno scritto di un bilancio di almeno 60

Le autorità hanno imposto il coprifuoco dopo le violenze, scoppiate durante le manifestazioni organizzate per protestare contro la proroga di due anni del potere da parte del leader ad interim Mahamat Idriss Deby. La Francia, l’Unione Africana e altri attori internazionali hanno prontamente condannato la repressione della sicurezza sui manifestanti. La strage è avvenuta mentre Il Presidente a interim  Deby aveva dichiarato lo stato di emergenza per le inondazioni che stanno colpendo più di un milione di persone nel Paese.

Le manifestazioni erano state convocate nella data in cui i militari avevano inizialmente promesso di cedere il potere, un periodo che è stato prorogato per altri 24 mesi. La scena politica si è particolarmente inasprita dopo che il Presidente Idriss Deby è stato ucciso sul campo di battaglia nell’aprile 2021 mentre visitava le truppe in prima linea che combattano contro i ribelli contrari al governo centrale. Mahamat Idriss Deby, suo figlio di 38 anni, è stato poi insediato dai militari come sostituto a interim del capo dello Stato. Inizialmente aveva promesso che non si sarebbe candidato alla presidenza e che  libere elezioni sarebbero seguite a una transizione di 18 mesi. Ma con l’avvicinarsi della scadenza, un Forum nazionale organizzato da Deby ha cambiato piani e scadenze per la restituzione del potere alla scelta elettorale.

In copertina un fotogramma del video pubblicato dal Sole34Ore. Nel testo: Mahamat Idriss Deby durante un viaggio in Ruanda

(Red/Est)

 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Il convoglio dei trucker a Washington si sgonfia

Non più di 2mila veicoli sulla circonvallazione per tentare di emulare i colleghi canadesi. Ma la protesta non fa strada perché le rivendicazioni sono state superate dai fatti  

Un convoglio di circa 2mila veicoli ha percorso la tangenziale della capitale americana Washington, ...

Dopo le proteste con strage a Bogotà

Duri scontri nella capitale della Colombia - costati 13 vittime -  in seguito alla morte di un avvocato fermato dalla polizia e ucciso. Incriminati due poliziotti per l'omicidio del legale. Il coraggio della prima cittadina  Claudia Lopez. L'assenza del Presidente

di Maurizio Sacchi  Il procuratore generale colombiano Francisco Barbosa ha ordinato il 18 settembre ...

“Non vogliamo lasciare Sheikh Jarrah”. Voci da Gerusalemme Est

Gli sfratti e le proteste che ne sono seguite hanno riacceso il conflitto. L'intervista a una delle abitanti del quartiere