Soluzione francese

Parigi ottiene un impegno dai rivali libici per elezioni a dicembre. Un buon risultato politico con qualche incognita

In Libia si terranno elezioni il 10 dicembre prossimo. E’ quanto emerso dalla Conferenza internazionale organizzata dalla Francia sotto l’egida Onu a Parigi. Tra i presenti una ventina di Paesi, tra cui i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu, ma – soprattutto – le principali fazioni libiche.
Emmanuel Macron ha riunito a Parigi il primo ministro del governo di unità nazionale di Tripoli, Fayez al Sarraj, e il generale Khalifa Haftar, a capo dell’autoproclamato Esercito nazionale. Presenti anche il presidente della Camera dei rappresentanti Aguila Salah, e quello del Consiglio di stato, Khaled al-Meshri.

Per il leader francese, in calo di consensi e in difficoltà per l’ondata di proteste scatenata in Francia dalla sua politica economica, è una vittoria politica importante e che ha messo nell’angolo l’Italia, Paese avvitato da mesi attorno alla crisi istituzionale post elettorale.
Infine, pur se i diversi fronti si sono accordati anche su altri temi – come l’unificazione delle rispettive forze militari e della Banca centrale – non esiste per ora un documento ufficiale sottoscritto da tutti perché alcuni leader vogliono prima fare una verifica in Libia che potrebbe riservare qualche sorpresa.


Nel video il servizio di Loredana Pianta per Euronews

Tags:

Ads

You May Also Like

Brasile, la piazza dei Fora Temer

Sindacati, partiti, movimenti e mondo cattolico schierati in Brasile per le dimissioni del presidente ...

La Cina programma il suo futuro

Il prossimo piano quinquennale: economia, Taiwan, Hong Kong, il clima. I diritti umani punto d'attrito con Usa e Ue

di Maurizio Sacchi Il ministro degli Esteri  Wang YiI e il diplomatico cinese di ...

Dietro il buio di Caracas

Ancora piazze contrapposte nella capitale dopo  il mega blackout che ha abbracciato il Venezuela incrociando  le accuse  tra Maduro e Guaidó che sembrano spingere ancora verso una soluzione di forza. Ma forse nelle retrovie si tratta

di Maurizio Sacchi Per più di due giorni tutto il Venezuela è rimasto senza ...