In sciopero per il clima

E' la prima volta che succede in maniera così massiccia e coordinata. Studenti (e professori) in piazza per salvare l'ambiente. Una manifestazione organizzata da Youth Strike 4 Climate
Rosie Smart-Knight

“Oggi, venerdì 15 febbraio, migliaia di studenti di scuole, college e università di tutto il Regno Unito sciopereranno e io sono una di loro. Prenderò parte al movimento Youth Strike 4 Climate perché voglio fare la differenza. Voglio che la voce della mia generazione sia ascoltata e ascoltata. Stiamo per perdere il massimo a causa dei cambiamenti climatici catastrofici, eppure siamo noi che siamo stati esclusi dalle conversazioni più serie”. Lo ha scritto oggi sul Guardian Rosie Smart-Knight, studentessa di 17 anni che vive a Penzance e frequenta il college di Truro. E’ una delle voci che sono diventate virali sul web a dimostrazione di quanto il problema sia sentito dalle giovani generazioni.

Le manifestazioni si sono tenute in diverse parti del mondo con studenti ma anche docenti. Anche  in Italia. Sono stati migliaia ad esempio gli studenti che a Bolzano hanno percorso le strade del centro per manifestare in occasione della giornata mondiale di sciopero. Gli studenti hanno issato cartelli con scritte come “Don’t be a fool, keep the climate cool”, “There is no planet B”, “What we stand for is what we stand on”, “Scream for climate actions!”.

Nel video, Greta Thunber, altra icona del movimento

Nell’immagine di copertina un fotogramma di un servizio di AbcNews su una manifestazione di studenti per il clima

Tags:

Ads

You May Also Like

La rivolta dei cileni

Migliaia di persone sono scese in piazza per manifestare contro il rialzo del prezzo della metro e le disuguaglianze del Paese. Le ragioni delle proteste represse nel sangue

di Alice Pistolesi* Proteste e repressione nell’ottobre cileno. Da martedì 15 Santiago e molte ...

Occhi puntati su Hanoi

Entra nel vivo domani il vertice tra Trump e Kim. Oggi solo un incontro a quattr'occhi per cena

 Il summit Usa Coreano di Hanoi entra nel vivo domani  dopo l’incontro oggi  nella ...

Nuove nubi sul sandinismo degli Ortega

Continua la violenza in Nicaragua. Secondo l'Organizzazione degli Stati Americani sono trecento i morti tra gli oppositori di Ortega da aprile 2018

di Maurizio Sacchi La Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) ha sollecitato lo Stato ...