Iran-Usa: l’escalation militare e il “fronte orientale”

Mentre il Pentagono annuncia il dispiegamento di altri mille soldati in Medio Oriente, Teheran si prepara in caso di guerra. Ecco come si è attrezzata su un possibile attacco americano dall'Afghanistan

di Emanuele Giordana

Il ministero della Difesa americano ha reso noto il dispiegamento di circa 1.000 altri soldati in Medio Oriente “a scopo difensivo”, per le minacce che proverrebbero dall’Iran. Secondo Washington i recenti attacchi iraniani convaliderebbero “informazioni affidabili e credibili” sul comportamento “ostile” dell’Iran che minaccia gli “interessi degli Stati Uniti in tutta la regione”. Continua dunque l’escalation della tensione nel Golfo.

Venti di guerra tra Stati Uniti e Iran non hanno del resto mai smesso di soffiare dalla caduta dello Scià nel 1979 e da allora Teheran ha sempre cercato di coprirsi le spalle in caso di un eventuale attacco, che preveda bombardamenti o l’avanzata di truppe di terra. Il fianco occidentale e il mare sono pericolosi: a Ovest ci sono Paesi alleati o amici degli americani e a Sud una distesa d’acqua in cui parcheggiare le portaerei. Sul fianco orientale invece ci sono due Paesi con cui si può lavorare, più meno facilmente, più o meno ufficialmente. Il Pakistan è un Paese sunnita e dove i finanziamenti del Golfo hanno armato gruppi settari anti sciiti. Ma il governo di Islamabad sarebbe riottoso a una guerra con l’Iran. Il gioco diplomatico ha dimostrato in passato un grande attivismo dalle due parti.

Poi c’è l’Afghanistan e quello si è un vero pericolo. I colloqui di pace tra Talebani e americani preoccupano Teheran. In quei colloqui, che dovrebbero disegnare una possibile pace, c’è un convitato di pietra: un argomento di cui ufficialmente non si sta discutendo, e che è la vera preoccupazione dell’Iran. Con l’arrivo di Ashraf Ghani alla presidenza nel 2014, Kabul ha già firmato con Washington un controverso Bilateral Security Agreement (Bsa) che Karzai si era rifiutato di siglare. In soldoni l’accordo prevede sia l’immunità per i soldati americani davanti a un tribunale nazionale, sia il diritto di usufruire della logistica militare afgana, ossia delle basi aeree delle Forze armate. Basi aeree da cui si potrebbe sferrare un attacco in grande stile all’Iran. Che fine farà il Bsa?

Le principali basi americane nel Paese: vicine alla frontiera iraniana

Secondo indiscrezioni di stampa, gli americani starebbero trattando per un’uscita soft dal Paese (in 5 anni si è detto) ma vorrebbero poter continuare a gestire almeno due basi: quella di Bagram, a una settantina di chilometri da Kabul, e quella di Camp Shorabak, già Camp Bastion, a Lashkargah. Che i talebani ci sentano o meno (ma qualcuno dice che forse l’accordo si potrebbe trovare) il negoziato riguarda il futuro e dunque future preoccupazioni. Intanto però è ancora in forza il Bsa che garantisce a Washington l’utilizzo di diverse basi aeree dell’esercito afgano: le principali si trovano a Kabul, Kandahar, Marmal e – vicino al confine iraniano – a Shindand ed Herat. Adesso dunque, come che vadano i negoziati coi talebani, Washington – oltre all’accesso alle basi afgane – ha ancora una serie di campi militari e basi aeree – da sola o in condivisione con la Nato – che le consentono di guardare assai da vicino la frontiera iraniana.

A parte Bagram, centro principale della logistica, gli americani condividono con la Nato il controllo della base aerea di Shindand a 100 chilometri in linea d’aria dal confine iraniano. Le altre basi (che in teoria andrebbero smantellate o passate agli afgani) sono quella di Camp Leatherneck, sede di partenza della maggior parte delle operazioni dei marine in Afghanistan, inizialmente una Fob (avamposto) estesosi poi per poco meno di 650 ettari. Si trova nell’Helmand non distante da Camp Dwyer, un’altra Fob allargatasi come quella di Delaram. Quest’ultima, come Shindand da cui dista 230 chilometri, è vicina un centinaio di chilometri al confine iraniano. Attualmente dunque, Washington può contare su sei basi aeree (tre delle quali molto vicine all’Iran) più quelle sotto controllo afgano. Una spina nel fianco di cui Teheran ha sempre tenuto conto decidendo di finanziare e allearsi con alcune fazioni talebane (tra cui quella con sede a Mashhad, in Iran) e di mantenere buoni rapporti con la cupola della shura di Quetta (il suo leader, mullah Mansur, fu ucciso da un drone mentre rientrava dall’Iran). In caso di attacco, scatenare l’inferno in Afghanistan.

Tags:

Ads

You May Also Like

Liberi i due giornalisti birmani della Reuters

Erano stati condannati in Myanmar a sette anni di carcere per violazione del segreto di Stato

Liberi. Finalmente liberi. Wa Lone e Kyaw Soe Oo, i due giornalisti birmani della ...

Una giornata per non dimenticare

L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra organizza al Museo delle Civiltà di Roma una serie di eventi dal 1° al 18 febbraio: per conservare la memoria di chi è stato colpito dai  conflitti e promuovere la cultura della pace e del ripudio dell'uso delle armi

Oggi ricorre la seconda Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti ...

Siria, i numeri della catastrofe nel Rapporto dell’Unrwa

Numeri e dati per monitare l’impatto disastroso della guerra sulla societa’ e sull’economia della ...