Italia: guerre, migranti e cooperazione. L’allarme dell’Aoi

L'Associazione delle Ong italiane chiede impegno e trasparenza nei finanziamenti delle missioni all'estero: rivedere i fondi stanziati per la Libia e rafforzare la presenza in Afghanistan sostenendo la società civile locale

“Ad una prima analisi del testo sulla proroga delle missioni internazionali, l’Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale (AOI) esprime profonda preoccupazione. La sensazione è che il Governo Italiano, qualsiasi sia la sua composizione, vada avanti perseguendo le solite direttrici strategiche, in alcuni casi anche aumentando il suo impegno e in altri casi senza tenere sufficientemente conto degli impatti che tali strategie hanno prodotto”. Lo scrive in una nota l’Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale che aggiunge come “Le nostre preoccupazioni maggiori si concentrano nel quadrante del Mediterraneo allargato dove le missioni navali, quelle in Libia e quelle del Sahel sembrano rispondere in buona parte a obiettivi di contenimento dei flussi, controllo delle frontiere e stabilizzazione”.

“C’è bisogno – scrivono – di un approccio nazionale ed europeo che abbia al centro la pace e la protezione capace di dare maggior risalto ai veri fattori di conflitto nella regione come la governance e l’amministrazione opaca della cosa pubblica, le disuguaglianze persistenti e la violazione dei diritti umani. Questo vale per i paesi del Sahel ma anche e soprattutto per la Libia”.

La nota aggiunge preoccupazione e chiede chiarezza anche sul dossier afgano: “Rispetto alle missioni umanitarie, a cui quest’anno sono stati dedicati 127 milioni, la nostra richiesta principale è che non vengano destinati interamente ad agenzie multilaterali ma che vengano coinvolte fin da subito le organizzazioni e le rappresentanze della società civile, con particolare attenzione al caso dell’Afghanistan, a cui sono stati dedicati 21 milioni, dove si sta vivendo una delicatissima fase di transizione. Il sistema di rapporti costruiti con le comunità locali e la loro conoscenza della realtà locale sono strategiche e da valorizzare”.

Sulla Libia si chiarisce che è chiaro come “la Guardia Costiera libica (GCL) stia perpetuando sistematici abusi e violazioni dei diritti umani,” e che l’Italia sta “continuando a perseguire le medesime politiche, finanziando sostanzialmente le medesime missioni, aumentando nel caso del supporto alla GCL anche di 500 mila euro i fondi a disposizione. Ripetiamo da anni – conclude il comunicato – che la Libia non è un luogo sicuro, che la soluzione individuata è inaccettabile e che quell’Accordo vada sospeso. Chiediamo inoltre che la missione legata al sostegno alla Guardia Costiera non venga rinnovata e siano cancellate le parti delle altre missioni che prevedono sostegno e collaborazione con la guardia costiera libica e la marina militare libica”.

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Sri Lanka, caccia al musulmano

Il governo estende il coprifuoco a tutto il Paese dopo un lunedi nero con incendi di moschee, negozi e libri sacri che si conclude con una vittima uccisa a colpi d'arma da fuoco. Le gerarchie buddiste e cattoliche prendono posizione

Gran parte della provincia nordoccidentale dello Sri Lanka ha visto un’ondata di violenze anti musulmane ...

La carica delle riserve

La Svezia chiama a raccolta i propri riservisti. Le scelte 'poco neutrali' del Paese Baltico

di Alice Pistolesi Scelte sempre meno neutrali quelle prese dalla Svezia negli ultimi anni. ...

Russia: chi parla è una spia

L’apertura del primo caso per un illecito amministrativo contro la persona fisica di Stepan Petrov, attivista per i diritti umani, , mostra tutte le implicazioni della nuova legge contro gli “agenti stranieri”

di Ambra Visentin A un mese dall’assegnazione del premio Nobel al giornalista Dmitry Muratov ...