Nel giorno 442 dall’invasione voluta da Putin. Il punto

Si impantana anche nelle visioni del futuro questa estrema guerra fra Russia e Ucraina. Nel giorno 442 dall’invasione voluta da Putin, il quadro resta fermo.

Di Raffaele Crocco

Ora si parla del 20 maggio 2023, come possibile data propizia per la grande offensiva. Si dice anche – lo sostengono al ministero degli Esteri britannico – che a dispetto delle speranze forse quella controffensiva non sarà decisiva, nonostante gli ucraini abbiano a disposizione tutto quello che può servire.

Si impantana anche nelle visioni del futuro questa estrema guerra fra Russia e Ucraina. Nel giorno 442 dall’invasione voluta da Putin, il quadro resta fermo, sia sul fronte militare, sia sul fronte diplomatico.

Una delle ultime, peggiori, notizie è la morte, il 9 maggio, di un altro giornalista. Arman Soldin, di France Press, è stato ucciso durante un bombardamento nella zona Est dell’Ucraina. Aveva 32 anni. È un nome che si aggiunge alla lunga lista dei caduti fra chi vuole raccontare l’orrore di questa guerra priva di senso.

A Bakhmut si combatte ancora, in mezzo a macerie che lasciano solo il ricordo di quella che era una città. Combattono ancora gli uomini della Wagner, la milizia mercenaria di Prigozhin, che l’Unione Europea vuole mettere nell’elenco nero dei terroristi planetari. Aveva minacciato di mollare tutto, annunciando di non voler più mandare al macello i propri uomini. Ci ha ripensato. “Ci hanno promesso munizioni e rifornimenti. E poi, se ci ritiriamo verremo considerati traditori”, ha spiegato e allora si combatte ancora.

Si combatte e si bombarda, uccidendo i civili. Nel Donetsk comincia anche a scarseggiare l’acqua: il canale Siversky- Donets, che rifornisce l’autoproclamata repubblica popolare, è a 6 chilometri da Bakhnut ed è in gran parte sotto controllo ucraino. I lunghi bombardamenti russi hanno probabilmente danneggiato in modo serio l’infrastruttura, compromettendo i rifornimenti idrici.

Sono i danni collaterali della guerra. Kiev dice di avere sul tavolo varie opzioni per l’annunciata offensiva. “Tutte sono in lavorazione – dice il segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa, Oleksiy Danilov – e a seconda delle circostanze verrà presa una decisione”. Mostrano sicurezza, i vertici militari ucraini, la medesima messa in mostra dal segretario di Stato americano, Antony Blinken. L’Ucraina, ha spiegato incontrando il ministro degli Esteri britannico, Cleverly, ha tutto ciò che serve “per continuare ad avere successo nel riconquistare il territorio che è stato preso con la forza dalla Russia negli ultimi 14 mesi. Non è solo una questione di armi, ma dell’addestramento sui sistemi d’arma che abbiamo fornito”.

Proprio Cleverly si rivela più prudente nelle valutazioni. A suo modo di vedere la controffensiva potrebbe non essere decisiva per la guerra. “Gli ucraini – ha spiegato – hanno dimostrato di essere difensori molto efficaci, ma potrebbe non esserci una svolta rapida e decisiva. Dobbiamo essere realistici, considerare le forze in campo”.

Quindi nessuna svolta capace di aprire il tavolo dei negoziati. Viene a cadere la speranza di molti e il negoziato appare lontano. La Cina ha nuovamente invitato le parti a porre fine ai combattimenti, ma nulla si è mosso concretamente. In settimana, Mosca ha celebrato come ogni anno il 9 maggio, data simbolo della fine della Grande Guerra Patriottica e della sconfitta del nazismo. Alla parata di Mosca hanno assistito i capi di Stato di molte ex repubbliche sovietiche: Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan. La sfilata è stata in tono minore, ma per Putin è stato l’ennesimo palcoscenico utile a rilanciare l’accusa di nazismo ai governanti di Kiev. “L’Europa – ha dichiarato ha dimenticato chi sconfisse il nazismo”.

Tags:

Ads

You May Also Like

Iran: dalle sanzioni all’embargo

Regno Unito, Germania e Francia minacciano di uscire dall'accordo sul nucleare. E torna il dibattito sull'utilità delle misure di contenimento dei regimi sotto tiro

di Maurizio Sacchi L’Iran ha dichiarato “persona non grata” l’ambasciatore del Regno unito a ...

Guerra, informazione e nuovi media

E' sempre vero che la verità è la prima vittima dei conflitti? E i mille occhi in più che oggi li documentano ci aiutano davvero a capire cosa succede? Una riflessione sul mestiere del giornalista e sugli strumenti che abbiamo nell'era di Internet

“La prima vittima della guerra è la verità” Ivo Andrič di Emanuele Giordana Le ...

Turchia, Russia, Ue: si tratta sulla pelle dei civili

Sui quattro milioni di profughi dalla guerra in Siria in scena un cinico mercato

Dopo sei ore di colloqui al Cremlino, il 5 marzo scorso i presidenti di ...