Sangue nel quartiere sciita di Baghdad

L'attentato al mercato popolare di al-Woheilat, rivendicato dal gruppo Stato Islamico, è il terzo nel 2021 per quell'area della capitale

Un nuovo attentato ha scosso Baghdad alla vigilia di Eid al-Adha, la Festa del Sacrificio, la più importante celebrazione musulmana, che dal Nordafrica al Medio Oriente coinvolge oltre 300milioni di musulmani. L’esplosione, costata la vita ad almeno 35 persone, tra cui 15 tra donne e bambini, è avvenuta nel tardo pomeriggio di lunedì al mercato popolare di al-Woheilat (Wuyelat) a Sadr City, un quartiere sciita nella zona Est della Capitale.

Il sedicente Stato islamico (Daesh), tramite un messaggio pubblicato sul proprio canale Telegram, ha rivendicato la responsabilità dell’attentato. L’attentatore che indossava come cintura una bomba artigianale di fabbricazione locale e si è fatto esplodere in mezzo alla folla intenta a fare acquisti per la festa del sacrificio.

Sadr City è la roccaforte dei sostenitori del leader sciita Moqtada al-Sadr, che proprio pochi giorni fa aveva annunciato la sua intenzione di boicottare le elezioni legislative previste per 10 ottobre. Una mossa che ha scioccato, dal momento che il suo movimento conta oltre 4milioni di sostenitori. Dopo l’attentato è stato poi arrestato, secondo una dichiarazione dell’esercito iracheno, il ​​comandante del reggimento di polizia federale responsabile dell’area del mercato. Il premier ha poi dichiarato che è stata aperta un’indagine.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha condannato l’attentato. A renderlo noto il vice portavoce del segretario, Farhan Haq. “Questo attacco – ha detto – prima delle festa dell’Eid al Adha ricorda a tutti noi che il terrorismo non conosce limiti”.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

L’attentato di lunedì è il terzo che colpisce il quartiere sciita quest’anno.Il 15 aprile, almeno quattro persone erano rimaste uccise in un attentato con un’autobomba a Sadr City. Il 21 gennaio, invece, più di 30 persone sono state uccise in un duplice attentato suicida in un’area commerciale molto affollata nel centro di Baghdad. Anche allora il sedicente Stato Islamico aveva rivendicato i due attentati attraverso il suo organo di propaganda. Se fino a qualche anno fa gli attentati erano eventi quasi quotidiani a Baghdad, gli attacchi erano diminuiti da quando il sedicente Stato Islamico è stato sconfitto nel 2017. Nonostante la sconfitta sul campo di battaglia però, in Iraq così come in Siria persistono cellule dell’organizzazione che continuano ad operare soprattutto nelle regioni desertiche del Paese. Circa 3.500 truppe straniere sono ancora di stanza in Iraq, compresi 2.500 statunitensi.

L’attacco al mercato arriva pochi giorni prima della visita negli Stati Uniti del primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi, che sarà ricevuto dal presidente americano Joe Biden lunedì 26 luglio. L’incontro tra il premier iracheno e il capo della Casa Bianca è il quarto meeting del percorso che è stato denominato “dialogo strategico” in cui si discuterà delle relazioni bilaterali. Il 7 aprile, durante un altro di questi incontri era stato stabilito che le truppe da combattimento statunitensi, impegnate nella lotta allo Stato Islamico, abbandoneranno l’Iraq, mentre le forze degli USA continueranno a fornire consulenza e addestramento.

*In copertina foto dell’attentato da Twitter

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa-Cina: Hong Kong occhio del ciclone

La prima vittima delle proteste sociali di autunno 2019 è stata la "balcanizzazione" di internet

di Maurizio Sacchi Che succede sul fronte cinese della guerra commerciale, mentre l’attenzione del ...

Cina/Usa, sale la tensione

Dopo che il Canada ha accolto la richiesta americana di estradizione per Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei, azienda e governo cinese contrattaccano. Mentre si addensano nubi sul vertice con Trump per le tariffe commerciali

di Maurizio Sacchi Anche nella “guerra commerciale” tra Usa e Rpc il nuovo stile ...

E’ mancato Gino Strada

Il 13 agosto 2021 è spirato Gino Strada. Medico di guerra, fondatore di Emergency e costruttore di pace. L'editoriale del direttore dell'Atlante.