Missili su Tripoli, contrattacco di Serraj

Il governo sostenuto dall'Onu reagisce all'ennesimo tentativo di Haftar di conquistare la capitale libica

Dopo che il lancio di un centinaio di missili ha colpito l’aeroporto internazionale di Tripoli, in mano all’esecutivo  libico di Al Serraj sostenuto dalle Nazioni Unite, il governo  del National Accord (Gna) ha lanciato un contrattacco ieri contro una base militare strategica utilizzata dall’Esercito nazionale libico (Lna) del generale  Khalifa Haftar che sta cingendo d’assedio da oltre un anno  la capitale del Paese.  Lo riferisce Al Jazeera

Fayez Al Serraj

La salva di  missili ha danneggiato gravemente l’aeroporto più importante della capitale e ha dato alle fiamme i serbatoi di carburante e anche diverse aeromobili oltre a infrastrutture e ricoveri. Almeno sei civili sarebbero stati uccisi dall’attacco missilistico. La Turchia intanto – che è al momento il  principale alleato militare del governo di Tripoli contro Haftar  – ha minacciato di intensificare i suoi attacchi contro le forze del generale ribelle.

Secondo l’agenzia turca Anadolu, Haftar si sarebbe reso responsabile della morte di oltre centoventi civili nel solo 2020 e Ankara si è per altro già espressa da tempo contro Haftar non solo militarmente ma sostenendo che i suoi attacchi “che hanno preso di mira missioni diplomatiche, tra cui l’ambasciata turca a Tripoli”, l’aeroporto e  aerei civili oltre ad altre infrastrutture civili “costituiscono crimini di guerra”.

Quanto ad Al Serraj, il capo del governo di Tripoli, ritiene l’uccisione dei civili un segno di debolezza di Haftar che fa concludere a Serraj di ritenere vicina “la fine della sua sanguinosa campagna per impadronirsi del potere”. Serraj – riporta il Lbya Observer – ha anche criticato la comunità internazionale che “non è disposta a nominare l’aggressore per nome e a ritenerlo pienamente responsabile e a fermare chi lo sostiene  apertamente”.

Nell’immagine di copertina l’aeroporto di Tripoli

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Fuoco a Gaza e nel Mar Rosso. Le difficoltà di Kiev. Il Punto

Come olio sul tavolo, il rischio di un allargamento del conflitto e di una radicalizzazione dello scontro fra “filo-americani” capeggiati dagli Stati Uniti e “alternativi” guidato dalla Cina diventa sempre più concreto

di Raffaele Crocco A tenere tutti con il fiato sospeso è la possibile reazione ...

Incertezze e ripiegamenti: intanto la guerra continua

Se i negoziati fra le parti avanzano, le armi comunque non tacciono ed è difficile capire davvero cosa sta succedendo. Un resoconto dell'ultima settimana di guerra

di Raffaele Crocco Sul campo di battaglia la situazione resta incerta. Se i negoziati ...

Il dietrofront del sultano

L’interferenza occidentale sul caso Osman Kavala fa infuriare il presidente della Turchia  Erdogan che minaccia l’espulsione di 10 ambasciatori. Ma che poi ci ripensa

di Filippo Rossi Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato lunedì mattina che ...