Settant’anni di Dichiarazione

Ragazzi: è roba forte.

di Raffaele Crocco. 

Mettiamola così: non è più una ragazza. Ha settantanni e l’abbiamo trattata così male che, adesso, li dimostra tutti. Alzi la mano chi l’ha letta, poi. La citano in tanti, tutti sono convinti di conoscerla, ma in quanto a leggerla davvero: beh, è un’altra storia.
Sono pochi davvero quelli che vogliono bene a questa anziana signora che chiamiamo Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il fatto è che lei, la Dichiarazione, è proprio scomoda. Tanto. Prendete, ad esempio, le cose più semplici, quelle di base. La più elementare di tutte è che sostiene che tutti, ma proprio tutti, donne e uomini, bianchi o neri, atei o religiosi, hanno gli stessi, identici diritti.


Si spinge un po’ più in là: dice che questi diritti – tipo poter avere un lavoro dignitoso, avere garantire le cure mediche o l’istruzione, poter viaggiare liberamente ovunque, praticare scelte politiche, religiose e sessuali senza subir danno – sono inalienabili, cioè appartengono all’individuo e nessuno glieli può togliere o negare. Non può un governo, non un altro uomo. Nemmeno un dio può togliere qualcosa.


Questo fa fare un altro salto alle cose. La Dichiarazione, oltre a sostenere che quei diritti sono inalienabili, spiega che una persona li ha per una sola ragione: perché esiste. Perché esiste, capite?
Noi, abituati da secoli al fatto che qualcuno ci poteva concedere generosamente un diritto, fosse un sovrano o una divinità, questa cosa qui ancora non l’abbiamo capita fino in fondo. In qualche punto della nostra testa, siamo ancora convinti che i diritti siano una “concessione”, un “regalo” di qualcuno. Oppure siano una merce di scambio: ho diritto a questo se faccio quest’altro. Non è così. Non esiste un rapporto di dipendenza fra diritti e doveri, non almeno se parliamo dei diritti inalienabili dell’individuo. Quelli ci sono sempre, non dipendono dai comportamenti o dai compromessi sociali.


Come direbbe un mio amico: questa è roba forte. Così forte, che molte religioni, questa cosa mica la vogliono. Per le religioni monoteiste, cioè la ebraica, la cristiana e la islamica, questa cosa di leggi umani superiori alle leggi di dio – quelle scritte nei libri sacri – non l’hanno accettata. Le religioni secolari – comunismo e nazismo ad esempio – neanche loro sono tanto d’accordo: troppo individualismo.
Invece, la Dichiarazione non è individualista. I diritti degli individui diventano, per somma, diritti dei popoli e quindi del mondo. Sono diritti che cercano di distribuire meglio la ricchezza, di farci capire come usare le risorse e le intelligenze. Tentano di costruire un presente felice e un domani più giusto.
E’ tanta roba davvero. Però non dobbiamo spaventarci, altrimenti vincono quelli che la Dichiarazione la vogliono mettere in soffitta.

Tags:

Ads

You May Also Like

Arrivano i dossier, il viaggio continua

di Raffaele Crocco E’ la terza mossa, quella che mancava. L’uscita dei dossier sul ...

Giornalismo saharawi, braccio mediatico della resistenza pacifica

di Alice Pistolesi L’informazione come braccio mediatico della resistenza pacifica. Parte da questa convinzione ...

Libertà e stampa sotto tiro

Il prezzo che si paga per raccontare i conflitti. Una giornata per ricordarlo

di Elia Gerola Oggi si celebra la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa.Come documenta ...