Tempesta sullo stretto

Un video iraniano che mostra la petroliera britannica sequestrata innesca nuove polemiche. E gli Usa reagiscono

Il Corpo dei guardiani della rivoluzione iraniana (IRGC) ha pubblicato un filmato che mostra una petroliera britannica sequestrata nello Stretto di Hormuz venerdì scorso. E’ l’ultimo atto della tempesta che continua ad addensarsi sul Golfo. La petroliera del Regno unito “è stata confiscata dalle Guardie rivoluzionarie su richiesta dei porti di Hormozgan e dell’Organizzazione marittima durante il passaggio attraverso lo Stretto di Hormuz, per non aver rispettato le regole marittime internazionali” sostiene Teheran.

Il video dell’incidente (nell’immagine sopra tratta dall’emittente iraniana  Press Tv) mostra soldati iraniani mascherati mentre scendono da un elicottero sulla nave. Contemporaneamente gli Stati Uniti si sono detti preoccupati che un “errore di calcolo” da parte dell’Iran possa causare un “conflitto non intenzionale” nel Golfo e si preparano a lanciare una nuova iniziativa di sorveglianza e intelligence con gli alleati – chiamata Sentinel – per assicurare “un passaggio libero e aperto” per le navi.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Il silenzio della pagoda

Continua l'odissea dei Rohingya e del loro impossibile ritorno in Myanmar. Nonostante gli accordi presi

  L’ambasciatore alle Nazioni Unite del Bangladesh, Masud Bin Momen, in una lettera inviata ...

Pakistan, tutti a fianco del generale

Governo e militari si schierano con l'ex dittatore Pervez Musharraf condannato a morte per aver violato la Costituzione

di Emanuele Giordana Il generale Pervez Musharraf, condannato a morte dalla sentenza di una ...

Il sultano alla conquista dell’Africa (1)

Come la strategia di Erdogan si muove dietro il nuovo conflitto che sta interessando la Libia. Con ambizioni più vaste e con l’ennesimo Paese dell’area trasformato in campo di battaglia dalle potenze regionali e non riunite in due coalizioni. Prima puntata

di Alessandro De Pascale* Da un lato Turchia e Qatar, in campo a sostegno ...