Timori per i civili di Idlib

Cresce la preoccupazione per profughi e residenti in vista di un attacco imminente alla città siriana

In vista di una nuova offensiva congiunta russo siriana sulla città settentrionale di Idlib crescono le preoccupazioni delle organizzazioni umanitarie: la città ospita circa tre milioni di persone, di cui circa la metà sono ribelli e civili trasferiti in massa da altre aree come Aleppo, Ghouta orientale e Deraa dopo che queste zone sono cadute in mano alle forze filo-governative siriane.

In una conferenza stampa a Mosca con il suo omologo siriano Walid al-Muallem, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov (nell’immagine a sinistra) ha sostenuto che che la maggior parte della Siria è ormai stata ripulita dai dai terroristi con l’eccezione di  Idlib, città al confine nord-orientale con la Turchia che appoggia alcuni gruppi ribelli nell’area e che dovrebbe garantire una “zona di riduzione dell’escalation” concordata con ad Astana in Kazakistan con le forze presenti sul terreno. L’attacco potrebbe essere imminente.

La fotonotizia di copertina è tratta da un filmato di Al Jazeera

Tags:

Ads

You May Also Like

Un camper nei conflitti: Sri Lanka

L'appuntamento settimanale col podcast di InPrimis, Unimondo, atlanteguerre

Un camper nei conflitti è un podcast settimanale realizzato con una collaborazione di Associazione culturale inPrimis, Atlante ...

La Germania e il dossier nucleare

Lo stop di Berlino che va controcorrente e il dibattito tedesco sulla Kernenergie

di Pietro Malesani* La rinuncia tedesca al nucleare non è una novità. Il tema è ...

Trump, Abu Mazen e la Palestina 2017

E’ stato rieletto per acclamazione il leader di Al Fatah Abu Mazen. La rielezione ...