Ucraina: il via libera dell’Unione Europea

L’accelerazione rischia di spaccare ulteriormente l’Europa e di gettare benzina sull’incendio appiccato da Putin

di Raffaele Crocco

Quattro mesi dopo l’avvio dell’Operazione Speciale di Putin in Ucraina – per il governo di Mosca ancora non si chiama guerra l’invasione in atto – Kiev ha segnato un probabile punto politico: il Consiglio Europeo ha formalizzato il via libera all’ingresso nell’Unione di Ucraina e Moldavia. Operazione politica, dicono gli osservatori: in otto anni di tensioni nel Donbass, con una guerra in corso e migliaia di vittime, l’Europa aveva accuratamente evitato che Kiev fosse ammessa. Ora, rapidamente, tutto sembra compiersi. Tanto rapidamente da aver scatenato la rabbia dei Paesi Balcanici, Macedonia del Nord, Albania, in qualche modo Bosnia Erzegovina, che da dieci anni attendono e vengono lasciati in freezer ufficialmente per “assenza di condizioni”, in realtà per una serie di veti che si incrociano.

L’accelerazione rischia di spaccare ulteriormente l’Europa – intesa come continente – e di gettare benzina sull’incendio appiccato da Putin. Mosca, invece, almeno ora pare segnare punti a favore sul campo. Le forze armate ucraine hanno ricevuto l’ordine di ritirarsi dalla città strategica di Severodonetsk, nell’oriente del Lugansk.

Lo ha reso noto il governatore della Regione. Si è combattuto per settimane, da quelle parti e ora le maggiori riserve russe e la potenza dei carri armati sembrano avere la meglio, completando quella “riunificazione del Donbass” che pare essere l’obiettivo minimo – c’è chi dice unico, ormai – dell’esercito russo.

Kiev, ovviamente, non sta a guardare e contrattacca. Porta la guerra in Russia: una delle più grandi raffinerie petrolifere del Paese sarebbe stata colpita da due droni ucraini. Lo stabilimento è di proprietà di una società legata a Oksana Marchenko, moglie dell’oligarca ucraino filorusso Viktor Medvedchuk. L’uomo è attualmente in carcere, in Ucraina, accusato di alto tradimento. Secondo gli osservatori, per Putin è un duro colpo dal punto di vista dell’immagine: i due velivoli senza pilota sono arrivati sull’obiettivo senza che scattasse alcun allarme. Indice, questo, della permeabilità del sistema di difesa russo.

Si combatte, quindi, senza esclusione di colpi. I soldati russi morti sarebbero ormai quasi 35mila. Kiev ne avrebbe persi mille solo negli ultimi giorni. Un bagno di sangue che pare inarrestabile, alimentato dal flusso continuo di armi. Gli Stati Uniti hanno annunciato l’invio di aiuti militari per altri 450milioni di dollari. Dovrebbero arrivare anche sofisticati sistemi missilistici. Prevale la “via armata al negoziato”, insomma. Lo ha chiarito il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba. “Solo la vittoria militare di Kiev – ha detto – convincerà la Russia a seri negoziati di pace. Le armi garantiranno la via diplomatica”. Sul tavolo resta la proposta ucraina di un summit Putin – Zelensky: il capo del Cremlino, per ora, non ha risposto.

*In copertina Photo by ALEXANDRE LALLEMAND on Unsplash 

Tags:

Ads

You May Also Like

La spina militare nel fianco del Myanmar

Sotto accusa la guerra e l'esercito della fragile democrazia asiatica. La denuncia di Amnesty e le sanzioni di Londra mentre gli uomini in divisa si autoassolvono

Amnesty Internationl, il governo britannico, le associazioni della società civile: tutte contro Tatmadaw, come ...

Australia, risarcimento milionario ai migranti

di Tommaso Andreatta La Corte Suprema dello stato australiano di Victoria ha ratificato un ...

Guerre commerciali. Gli Usa al bivio (1)

L’esito delle elezioni americane avrà effetti radicali nella vita quotidiana e nel futuro di milioni di cittadini di ogni ceto sociale e convinzione. E nel resto del Pianeta le ricadute saranno almeno altrettanto importanti

di Maurizio Sacchi  Mentre si attende il risultato delle elezioni negli Stati uniti, il ...