Il sisma in Afghanistan: un doppio dramma

Gli aiuti internazionali andranno a sottrarre le già risicate risorse arrivate col contagocce in questi mesi per far fronte a una crisi umanitaria senza precedenti

di Emanuele Giordana

Non ci sono aggiornamenti sul numero delle vittime e dei feriti (rispettivamente 930 e 610 ufficialmente) dopo il terremoto che la notte scorsa, con epicentro a 44 chilometri da Khost, ha colpito l’Afghanistan orientale (6.1 sulla scala Richter) cancellando interi villaggi. Una prova per il neo Emirato talebano ma anche per la macchina degli aiuti. Una macchina inceppata da sanzioni e blocchi al denaro della Banca centrale. Dunque gli aiuti internazionali andranno a sottrarre le già risicate risorse arrivate col contagocce in questi mesi. I cinesi si son fatti avanti subito però. Si sono mossi anche Europei e Nazioni Unite che “stanno valutando”. Naturalmente le Ong, per quel che possono, sono in prima linea. L’Emirato si muove e così i mezzi di primo soccorso dell’Onu che, fortunatamente, non ha lasciato il Paese con l’arrivo dei Talebani. Ma la domanda vera riguarda i soldi.

E’ l’inizio di gennaio quando il segretario generale dell’Onu Guterres chiede al mondo 4, 4 miliardi di dollari per aiutare il Paese a uscire dalla crisi in cui è precipitato dalla fine della guerra. Le ragioni sono note: lo stop al finanziamento che copriva oltre due terzi del budget della Repubblica retta da Ashraf Ghani, le sanzioni contro il nuovo regime e il congelamento degli asset della Banca centrale afgana, depositati – circa 9 miliardi di dollari – nelle banche americane ed europee. Il Paese precipita in una crisi che l’inverno peggiora: non si muore più di guerra, adesso si muore d’inedia. La borsa però rimane tirata: di quei 4,4 miliardi richiesti, a maggio 2022 ne sono arrivati solo la metà. E coi tempi della burocrazia: prima si promette, poi si “alloca”, infine (forse) si scuce il contante. E in assenza di un interlocutore politico – visto che nessuno ha riconosciuto il governo talebano – si può far conto solo sull’Onu che, fortunatamente non ha chiuso i battenti.

Comunque, ogni appello ai governi del pianeta può solo risultare inascoltato se, come conferma chi tenta di farlo, meccanismi automatici, imposti dalle sanzioni al regime, impediscono di spedire persino cento euro a Kabul o altrove nel Paese. Anche in queste ore, il meccanismo perverso che strangola l’Afghanistan da dopo il 15 agosto 2021, quando la capitale capitolò e Asraf Ghani e compagni scapparono con la cassa, continua perversamente a funzionare. I quattrini per far fronte all’emergenza terremoto verranno inevitabilmente sottratti a quanto le nazioni Unite hanno raggranellato in questi mesi, che si aggiunge alle regalie degli Stati vicini, come Pakistan e Iran, o agli interventi ormai molto ridotti delle Ong. Quanto il sisma aggravi una crisi già in essere lo si deduce dai numeri: sono 2,6 milioni gli afgani registrati dall’Unhcr (2,2 si trovano divisi tra Iran e Pakistan), il che significa che i fuoriusciti sono un numero assai più elevato in cui, come fantasmi, si agitano i clandestini e gli afgani in viaggio o bloccati lungo le rotte che portano in Europa o nelle foreste bielorusse. Gli sfollati interni erano circa 3 milioni cui se ne sono aggiunti, solo nel 2021, altri 700mila. Su 35 milioni di afgani, l’Onu valuta che oltre 20 milioni siano in grave necessità alimentare. Quasi la metà di questi sono in forte necessità alimentare. I primi sono malnutriti. Gli altri denutriti, con quel che ciò significa specie se si è in tenera età (la malnutrizione compromette anche le capacità cognitive).
A quasi un anno dalla fine della guerra si è fatto molto poco per questo popolo verso il quale vent’anni di occupazione militare dovrebbero quantomeno portarci a un senso di responsabilità.

La promessa di una legazione comune europea è rimasta sulla carta. Ferme le sanzioni e così i fondi, proprietà afgana, ancora congelati nelle banche degli occupanti che sembrano voler vendicarsi di chi li ha battuti sul piano militare. I Talebani fanno buon viso a cattivo gioco e dicono che l’economia si sta riprendendo. Si sono invece irrigiditi sui diritti: abbigliamento, libertà di espressione, istruzione femminile (anche se in alcune aree del Paese le ragazze possono andare nei pochi licei aperti). Nel caso afgano, le sanzioni non solo colpiscono il popolino ma tendono probabilmente a rafforzare l’ala più oltranzista, ortodossa, identitaria rispetto ai pragmatici che invece sarebbero disposti a trattare.

In copertina uno screenshot da GoogleMaps

Tags:

Ads

You May Also Like

Il dramma del Nagorno Karabakh

Intervista a Max Floriani, poeta, compositore e politico italiano che vive in Armenia che propone il riconoscimento come Stato dell'enclave

di Teresa di Mauro  E’ passato già quasi un mese da quando, il 27 ...

Finisce in Sudan l’era Bashir

Il presidente nordsudanese viene messo agli arresti con un golpe. Al suo posto resta la casta militare da cui lui stesso proviene e che ora lo ha scaricato. Soddisfazione popolare ma cautela nei confronti di un nuovo potere in divisa

Le forze armate sudanesi hanno preso il potere in Sudan rovesciando il  presidente Omar ...

Donne sterilizzate dal governo di Fujimori

di Tommaso Andreatta Trattate come gatte. Cittadine sterilizzate, come se fossero bestie. È successo ...