Iran/nucleare: allarme dell’Aiea

Teheran continua ad aumentare le sue scorte di uranio arricchito in violazione delle limitazioni stabilite nell'accordo del 2015

L’Iran continua ad aumentare le sue scorte di uranio arricchito in violazione delle limitazioni stabilite nello storico accordo nucleare del 2015 con le potenze mondiali anche se ha iniziato a fornire accesso a siti in cui il Paese era sospettato di aver immagazzinato o utilizzato materiale nucleare non dichiarato. Lo scrive Al Jazeera citando un documento riservato distribuito ai Paesi membri dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea). Secondo il documento dell’Aiea le scorte iraniane di uranio arricchito sono ora oltre 10 volte il limite fissato nell’accordo nucleare del 2015.

Al 25 agosto, l’Iran aveva accumulato 2.105,4 kg  di uranio a basso arricchimento rispetto ai 1.571,6 kg riportati il 20 maggio. L’Aiea inoltre sostiene che  che l’Iran ha continuato ad arricchire l’uranio fino a una purezza fino al 4,5%, superiore al 3,67% consentito dall’accordo noto come  Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa), che consente all’Iran di mantenere solo una scorta di 202,8 kg. L’accordo sul nucleare era stato firmato da Teheran nel 2015 con Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Cina e Russia. La scorsa settimana, l’Iran aveva annunciato che avrebbe consentito all’Agenzia di accedere a due siti sotto osservazione, a seguito di una visita a Teheran del direttore generale dell’organizzazione Rafael Grossi (a destra nell’immagine). L’AIEA ha affermato che l’Iran per ora ha concesso ai suoi ispettori l’accesso a uno dei due siti.

(Red/Est)

Le immagini di testo e copertina sono tratte dal sito dell’Aiea

Tags:

Ads

You May Also Like

Nuovi dazi: le paure del mondo economico

di Alice Pistolesi Aumentare i dazi doganali per le merci europee. Per il momento ...

“Se spacci ti faccio fuori!”

Il presidente filippino Duterte risponde alle critiche dell'Onu minacciando di morte in diretta gli spacciatori. Forte di una legge liberticida appena varata

di Emanuele Giordana “Se distruggi il mio Paese distribuendo 5,1 miliardi di pesos di ...

Israele, la società civile contro Bibi

Il premier difende i piani dell'esecutivo dopo una manifestazione di massa sabato contro la linea liberticida del suo Governo

Le affermazioni secondo cui le riforme giudiziarie del ministro della Giustizia Yariv Levin sono ...