Quanto costerà al Mondo la crisi ucraina

Perdono tutti in questo dramma giocato sul tavolo dell'Europa nordorientale. L'editoriale del direttore del Progetto Atlante Raffaele Crocco

di Raffaele Crocco

Quello che pare certo è che ne usciremo acciaccati tutti. La valutazione è delle cancellerie internazionali, che seguono affannate l’evolversi sempre più rapido della crisi in Ucraina. Ma è facilmente condivisibile. La decisione di Putin di riconoscere le autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donetsk, nel Donbass, ha acceso la miccia. Resta da capire se ci sarà l’esplosione, cioè la guerra conclamata. Le due repubbliche sono ufficialmente sotto protezione militare di Mosca, che ha fatto avanzare le proprie truppe in territorio ancora ufficialmente ucraino spiegando che qualsiasi azione militare di Kiev verrà interpretata come una minaccia e, quindi, scatterà la rappresaglia.

La decisione – arrivata non casualmente lo stesso giorno della fine delle Olimpiadi invernali a Pechino – sembra aver dato corpo definitivo al progetto politico di Putin. Gli osservatori internazionali spiegano che il Presidente russo non vuole solo tenere la Nato lontana dai propri confini. Quello che vuole è ricostruire la Grande Russia, mettendo assieme i pezzi di “mondo russo” rimasti isolati, cioè in altri Paesi, dopo la caduta dell’impero sovietico. Questo significa rischio concreto per ampi territori in Asia Centrale e per le Repubbliche Baltiche. Queste ultime sono, attualmente, coperte dall’ombrello della Nato, ma sono in molti a chiedersi se reggerebbe. La crisi, quindi, potrebbe diventare lunga. Soprattutto, potrebbe portarci per decenni dentro , schemi di gioco che si pensavano persi nel 1991, con la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Intanto, resta la cronaca a raccontare cosa accade. E non è un bel racconto.

Kiev ha reagito alle decisioni del Cremlino e alle scelte militari di Putin, che ai confini con l’Ucraina avrebbe schierato il 75% del proprio apparato militare convenzionale. Il Presidente Zelensky ha firmato un decreto per richiamare in servizio tutti i militari in congedo tra i 18 e i 60 anni. Una mobilitazione generale, che porta l’esercito ucraino a circa 200mila unità. Contemporaneamente, ha preparato uno stato d’emergenza per 30 giorni. “E’ arrivato il momento di reagire, di reagire con forza”, ha spiegato. Ha anche alzato il livello dello scontro, internazionalizzandolo per quanto possibile. “il destino dell’Europa – ha detto – si decide sul campo, in Ucraina”. Kiev ora più che mai chiede di aderire all’Unione Europea e alla Nato, pur sapendo che tempi e modi sono lunghi e complessi. Questa posizione viene vissuta da Putin come una provocazione. Per il Cremlino gli interessi e la sicurezza della Russia “non sono negoziabili”, pur dicendosi ancora “aperto al dialogo” e disposto a discutere “soluzioni diplomatiche” alla crisi. Ma la richiesta del Cremlino è chiara: l’Ucraina deve impegnarsi a non entrare nella Unione Europea e nella Nato. Deve restare neutrale. Solo così Mosca smobiliterà le truppe.

Di fatto, tutte le porte appaiono chiuse. Il Governo statunitense e quello francese hanno disdetto gli appuntamenti con Mosca, programmati proprio per trovare una soluzione alla crisi crescente. Sono scattate anche le prime sanzioni contro oligarchi e banche da Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Canada e Giappone. Berlino ha anche di fatto chiuso il capitolo del  gasdotto Nord Stream 2. Sanzioni che colpiranno Mosca, ma danneggeranno anche le economie europee. Da questa crisi, anche non dovesse peggiorare, sembra siano tutti destinati ad uscirne male.

In copertina carri armati dell’esercito ucraino

Tags:

Ads

You May Also Like

Assange è stato liberato

Dopo un accordo tra Gran Bretagna e Stati Uniti

“Julian Assange è libero”, lo ha scritto  Wikileaks in una dichiarazione pubblicata su X. ...

Enigma coreano

Una data non è ancora stata fissata ma a maggio Donald Trump e Kim ...

Myanmar, il sabato della vergogna

Oltre cento morti nell'ennesima giornata di protesta di un movimento che non si lascia imbrigliare e che viene candidato al Nobel per la pace